Sciopero Commercialisti, Soldani: «Dal Governo segnale di apertura che cogliamo con favore»

«Il positivo esito dell’incontro svolto questa mattina presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze alla presenza del viceministro dell’economia Antonio Misiani e dei sottosegretari Maria Cecilia Guerra e Alessio Villarosa, conferma la volontà dei Commercialisti italiani di superare la fase di stallo e le incomprensioni che avevano condotto alla mobilitazione della categoria». Così, Antonello Soldani, Presidente dell’Ordine dei Commercialisti ed Esperti Contabili di Trani, al termine dell’incontro cui hanno partecipato in rappresentanza dei commercialisti italiani una delegazione del Coordinamento dei sindacati di categoria e il Presidente del Cndcec Massimo Miani.

I rappresentanti del MEF hanno palesato la piena disponibilità del Ministero, e del Ministro Roberto Gualtieri in prima persona, ad intraprendere una interlocuzione sistematica sulla riforma fiscale in corso di predisposizione nel quadro della prossima manovra di bilancio e sulle tematiche applicative della normativa fiscale con l’Agenzia delle entrate e gli uffici del MEF.

Un primo incontro si svolgerà con il ministro Gualtieri il prossimo 7 ottobre.

Per quanto riguarda la moratoria sulle sanzioni per i ritardati pagamenti delle liquidazioni delle imposte in scadenza il 20 agosto, il Governo si è impegnato a sostenere, nell’interlocuzione con il Parlamento, un emendamento al DL 104 del 2020 che preveda, per i contribuenti che hanno registrato nel primo semestre del 2020 una riduzione del fatturato di almeno il 33 per cento, la possibilità di effettuare il pagamento entro venerdì 30 ottobre con la sola maggiorazione dello 0,8%.

Il viceministro e i sottosegretari hanno anche sottolineato la volontà di discutere insieme ai professionisti una riforma organica del welfare che superi i limiti della rete di protezione sociale per quanto riguarda il lavoro autonomo e professionale.

«Per la nostra categoria – ha sottolineato il Presidente Soldani – è stato significativo il riconoscimento del ruolo cruciale dei commercialisti durante la pandemia, garantendo l’operatività degli strumenti di sostegno introdotti dal governo per l’emergenza Covid. Ruolo ancor più delicato ed importante ora che c’è da far ripartire le imprese e la nostra economia intercettando tutti i possibili finanziamenti e riformando il settore fiscale. Quella della mobilitazione dei Commercialisti, con la manifestazione prevista a Roma in piazza Santi Apostoli il prossimo 15 settembre è stata una decisione sofferta, ma inevitabile. Il Governo aveva voluto il muro contro muro non ascoltando alcuna delle richieste di buon senso avanzate dai vertici nazionali della nostra professione. Oggi si è aperto uno spiraglio che ci si augura possa spalancare nuovi orizzonti per i rapporti di rispetto e di riconoscimento reciproci».

Ultim’ora: In serata apprendiamo che lo sciopero è stato revocato.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Il 10 febbraio Bisceglie ricorda Antonio Papagni, vittima delle Foibe

Venerdì 10 febbraio, Giornata del Ricordo in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano – dalmata, delle vicende del confine orientale, Bisceglie onorerà la memoria di Antonio Papagni, Cittadino biscegliese che fu vittima nelle foibe del Carso, probabilmente gettato nella foiba dell’Abisso di Plutone di Basovizza (Trieste). La cerimonia organizzata dall’Amministrazione Comunale si terrà alle […]

Terremoto in Turchia: Polizia locale Bari, possibili onde maremoto, ‘non percorrete litorali della costa barese’

Un allerta rosso (watch) è stato lanciato intorno alle 5 di questa mattina dalla Polizia locale di Bari per “possibili onde di maremoto sulla costa pugliese a partire dalle ore 6.44 con seguito del 6 febbraio 2023” dopo il terremoto avvenuto in Turchia. L’allerta riguarda anche le altre coste pugliesi e quelle di altre regioni […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: