Covid: Rsa Puglia, visite contingentate e percorsi ‘puliti’

Visite contingentate, un parente alla volta e massimo un incontro al giorno con obbligo di indossare alcuni dispositivi di sicurezza, dalle mascherine ai guanti, evitando contatti con altri ospiti della struttura. Sono alcune delle indicazioni inserite nei protocolli di sicurezza per evitare contagi di coronavirus durante le visite dei familiari agli ospiti delle Rsa e delle case di riposo pugliesi.

Dallo scorso maggio, infatti, sono ripresi gli incontri nelle strutture e, al momento, non sono previste restrizioni o chiusure. Però, il dipartimento Salute della Regione Puglia ha stabilito delle regole anti Covid durante gli incontri: nelle Rsa o case di riposo è consentito l’ingresso di una sola persona, che deve essere munita di mascherina e guanti che non dovra’ mai togliere durante la visita. In linea generale, è consentita una sola visita al giorno ad orario prefissato ma possono esserci delle eccezioni. Inoltre, sono previsti i cosiddetti “percorsi puliti” per evitare il contatto con altri ospiti delle strutture. E’ necessario mantenere il distanziamento e, al termine della visita, la stanza o l’area deve essere igienizzata.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Scuola: Puglia verso proroga ordinanza su opzione Dad

La Regione Puglia si starebbe orientando verso la proroga dell’ordinanza, in scadenza giovedì 3 dicembre, che permette di scegliere per i propri figli tra didattica in classe o a distanza. E’ quanto emerso durante l’incontro che si è svolto oggi tra sindacati, Ufficio scolastico regionale, e Regione Puglia rappresentata dal presidente Michele Emiliano e dagli […]

Mons. Ricchiuti: «Stop ai velivoli F-35 e alle armi nucleari». L’appello di Pax Christi: «Siamo nell’Avvento, l’alba di giorni e di tempi giusti e pacifici»

«Con questo lockdown, tutto deve fermarsi, niente relazioni o assembramenti, scuole più o meno chiuse, commercio in ginocchio… ma le guerre no, quelle no, non si fermano e le tregue tra Paesi in guerra sono fragilissime. Non si fermano esercitazioni militari e produzione di armi, si chiudono i porti ai migranti ma li si aprono […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: