Dalla Regione già pronti ristori per ristoratori, Casambulanti: «Gli ambulanti aspettano ancora i loro contributi»

Dopo le proteste dei ristoratori per essere stati fermati per sette giorni a causa della zona arancione in alcune città della Bat e del foggiano politici e rappresentanti istituzionali si affrettano a spegnere il fuoco della mobilitazione affermando che i ristori per i ristoratori sono già pronti.

Affermazioni di questo genere non potevano non suscitare la reazione di quelle categorie, quali gli Ambulanti, che sono ferme dal mese di novembre per quanto riguarda feste e fiere e stanno subendo la chiusura dei mercati in alcune città della Regione, anche addirittura in quelle città classificate zona gialla. Specie nel foggiano e nel barese sono numerosi i comuni che, con ordinanze sindacali, mantengono ancora oggi chiusi i mercati, causando un danno irreparabile a migliaia di ambulanti.

A tal proposito tuona il Coordinatore nazionale CasAmbulanti, l’andriese Savino Montaruli, il quale dichiara: “leggo con stupore le dichiarazioni di autorevoli rappresentanti politici ed istituzionali i quali affermano che i ristori per i ristoratori sono già pronti a ristorare la chiusura dei sette giorni. Il vice presidente ed assessore al bilancio della Regione Puglia Piemontese ha annunciato che la Regione Puglia ha già messo a disposizione 20 milioni di euro da destinare ai ristori per titolari di bar, ristoranti e pizzerie mentre il sindaco di Foggia, Franco Landella chiede al Presidente della Regione Michele Emiliano misure straordinarie, affermando che “se si scelgono misure restrittive bisogna anticipare i contributi alle famiglie che hanno attività commerciali come ristoranti e pizzerie”. Quante belle parole mai spese per gli Ambulanti fermati proprio dai sindaci che oggi si mostrano salvatori della mangiatoia. Voglio ricordare a costoro, molti dei quali novelli e di fresca nomina ai più alti scranni della privilegiata politica locale e regionale – continua Montaruli – che gli Ambulanti, i ventimila ambulanti di Puglia, del barese, del foggiano e della Bat, stanno aspettando da almeno otto mesi che si concretizzino le promesse della Regione Puglia e del Governo sui ristori che non sono mai arrivati. Altro che sette giorni. I fieristi sono fermi dal mese di novembre 2019 e molti mercati sospesi da tempo. Quei personaggi che oggi si ergono a salvatori dei ristoratori non li abbiamo né visti né sentiti, neppure per sbaglio o per errore. Ebbene, sappiano lor signori che i fondi destinati agli Ambulanti non si toccano e che quei fondi li vogliamo subito, immediatamente. A tal proposito stiamo concertando con le Questure ed i Commissariati azioni di protesta e di contestazione affinché i ristori arrivino subito agli Ambulanti evitando giochetti a causa dei quali abbiamo già subito tantissimo e non siamo più disposti a subire. Meglio essere chiari: se i ristoratori sono stati autorizzati a bloccare le strade, i nostri furgoni sono già in moto” – ha concluso il leader sindacale pugliese Montaruli.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

A Bisceglie arriva il primo nato nel nuovo reparto di Ostetricia

Prima nascita oggi nel reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale “Vittorio Emanuele II” di Bisceglie inaugurato lo scorso 31 gennaio dopo i lavori di riqualificazione. Il piccolo di chiama Nathan ed è nato alle 12:11 di oggi. Pesa poco meno di 3,4 chili ed è lungo 50 centimetri. “Sua mamma Milena sta bene”, fa sapere […]

Restituisce portafogli contenente 580 euro, il Sindaco lo premia

Stamattina il Sindaco di Bisceglie Angelantonio Angarano, con l’Assessore Carla Mazzilli, il Presidente della Commissione Sicurezza Franco Coppolecchia e il Comandante della Polizia Locale, Michele Dell’Olio, ha ricevuto a Palazzo di Città Alessio Todisco, commerciante ambulante che si è distinto per un gran bel gesto. Martedì scorso, nel corso del mercato settimanale nella nuova area […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: