Boccia: «Si va verso la “zona rossa” in tutta Italia. Chi sogna di organizzare cenoni in famiglia sbaglia clamorosamente»

Italia zona rossa a Natale e Capodanno? “E’ evidente che stiamo andando verso restrizioni nel periodo delle festività. Se qualcuno ipotizza feste, cenoni e assembramenti sbaglia clamorosamente”. Lo dice il ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, parlando delle misure per Natale attualmente al vaglio del governo.

“Questo -precisa Boccia a Sky Tg24- non significa rinnegare nulla, il modello a zone rosse, arancioni e gialle continuerà anche a gennaio e febbraio. Solo per il periodo che va dalla vigilia di Natale all’Epifania, ora vediamo se fino al 3 o al 6 gennaio, più restrizioni ci sono e meglio è”. A chi domanda se arriveranno misure restrittive anche per il weekend alle porte, Boccia risponde: “Fosse per me lo farei stasera, ma io sto parlando del periodo di festività. Per gli altri giorni ognuno ha il suo colore e molte regioni sono in area gialla: mi auguro solo che ci sia autodisciplina, io se vedo tante persone nelle strade vado a casa”.

“Vogliamo tutti più restrizioni nel momento in cui il Paese si ferma. E il Paese si ferma durante le festività. Nel momento in cui siamo tutti a casa e quasi tutti fermi, ha senso mantenere il Paese aperto o no? Noi riteniamo di no, non solo io e Zaia. E’ stato detto in maniera chiara ieri con tutti i presidenti di regione, abbiamo tutti la stessa posizione. Si tratta di decidere nelle prossime ore quali restrizioni adottare, io penso che sia più opportuno restringere il più possibile”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Teatro Garibaldi, Spina: la cultura abbandonata da Angarano e Silvestris (IL VIDEO)

La cultura abbandonata: lo storico Teatro Garibaldi, chiuso da Angarano-Silvestris subito dopo le elezioni del 2018, è stato ormai completamente abbandonato a se stesso. Ogni anno i cartelli dei lavori in corso vengono sostituiti con il fine lavori che cambia: da gennaio 2020, ora c’è scritto giugno 2023 (dopo le elezioni comunali della nuova amministrazione). […]

Fata insiste: «Angarano sia chiaro e faccia i nomi di chi lo avrebbe offeso»

E no, questa volta non lasceremo passare “in cavalleria” l’ennesimo scivolone della disastrosa comunicazione del sindaco in carica.La frase “Non esiste un’opposizione seria, si cerca esclusivamente di gettare fango sulle persona e sulla famiglia” chi l’ha pronunciata? Risponda a questo, Angarano. Lo ha detto sì o no? Ricordi, però, che la registrazione del suo discorso […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: