Coronavirus, Lopalco: Su variante inglese allarme mediatico, vaccino decisivo

Molta attenzione sì, panico no. La luce in fondo al tunnel c’è, ma prima bisognerà tenere ancora duro per qualche mese. L’analisi della situazione epidemica in Italia dell’epidemiologo Pier Luigi Lopalco, assessore alla Sanità della Regione Puglia, è improntata a un sano realismo. Il virus c’è, circola e muta ma pure la cosiddetta ‘variante inglese’ non deve togliere il sonno.

“L’allarme è soprattutto mediatico”, spiega. “Che il covid possa modificarsi non è una sorpresa e nemmeno una novità. Semmai la notizia è che nel Regno Unito si sia sviluppata una variante più efficiente nella trasmissione, ma è tutto da verificare”. In ogni caso, seguendo il principio della massima prudenza, il blocco dei voli “ci sta”. Nel frattempo occorre sequenziare il maggior numero possibile di tamponi positivi: “Noi in Puglia lo abbiamo fatto su qualche centinaio di campioni e non lo abbiamo riscontrato ma non è detto che ciò non possa accadere in futuro”.

Il mondo sembra però aver trovato “l’unica chiave di volta” per uscire da questa situazione ovvero il vaccino. “Sono progettati su una piattaforma di ingegneria genetica molto flessibile quindi, se ce ne fosse bisogno, si possono riprogrammare in tempi brevi”, precisa ancora facendo riferimento ad eventuali future mutazioni del virus. La convinzione dell’epidemiologo è quella di poter raggiungere in Italia l’immunità di gregge “entro l’estate” per evitare nuove ondate nel prossimo autunno. “Ho fiducia nell’adesione degli italiani alla campagna vaccinale – dichiara – i primi sondaggi sono sono stati fatti in un momento di grossa confusione comunicativa ma nel momento in cui si spiega come è fatto questo vaccino e quanto sia sicuro rispetto al rischio di contrarre una malattia de genere….”.

Al momento però la discesa della curva epidemica sembra aver subito quantomeno un rallentamento. “E’ ovvio che con le misure di contenimento prese non ci possa essere una caduta libera”, dice Lopalco. Per questo il suggerimento per il periodo successivo al 7 gennaio è quello di far diventare l’Italia “un’unica grande zona arancione” perché “a circolazione virale intermedia corrisponde misura intermedia. Mi sembra un buon compromesso fra difesa della salute pubblica e dell’economia”. Dopo l’Epifania però il governo è intenzionato a riaprire le scuole, un settore nei confronti del quale in Puglia si è scelto un approccio molto rigido. “Aspettiamo le indicazioni nazionali e speriamo che ci sia buonsenso. Bisogna riprendere con un buon margine di sicurezza riadattando gli orari scolastici”, il pensiero di Lopalco. Ma “a meno che non ci siano indicazioni diverse” da parte del territorio l’orientamento è quello di seguire le indicazioni che arriveranno da Roma. Prima però c’è da trascorrere le festivita natalizie dove “non dobbiamo compiere imprudenze”. Un monito che vale per tutti. “Ciascuno di noi deve capire che contrarre questa infezione non è una cosa che capita agli altri – la conclusione di Lopalco – quando succede la reazione della maggior parte dei malati è di stupore: non immaginavo potesse toccare a me. Invece è una probabilità che tutti dobbiamo sempre tenere a mente”. 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Nuova sessione di riprese cinematografiche il 3 aprile

Lunedì 3 Aprile è prevista una nuova sessione di riprese cinematografiche della serie Tv dal titolo provvisorio Gerri, prodotta da Cattleya. Per consentire lo svolgimento dei lavori e allestire il campo base operativo con i mezzi della produzione cinematografica, il Comandante della Polizia Locale, Michele Dell’Olio, ha istituito dalle ore 00:01 alle 20 del 3 […]

Dal 3 Aprile torna attivo il varco ZTL di piazza Castello

Si avvisa la cittadinanza che a decorrere da lunedì 3 aprile, come previsto dalla Ordinanza Sindacale n. 189 del 5 ottobre 2022, sarà ripristinata l’operatività del varco elettronico di accesso alla Zona a Traffico Limitato del Centro Storico da Largo Castello. A seguito di tale modifica non è consentito l’accesso all’interno della ZTL del Centro […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: