Scuola: Lopalco, non le abbiamo chiuse ma dato scelta a genitori

“Noi non abbiamo tenuto le scuole chiuse. Noi abbiamo dato – e siamo stati gli unici in Italia – la possibilità a quei genitori che avevano il timore di portare giustamente i figli a scuola di poter usufruire della didattica distanza, cioe’ di tenere i bambini a casa e garantire per loro l’istruzione a casa. Finora abbiamo mantenuto questo tipo di misura”. Lo ha detto l’assessore alla Salute della Regione Puglia, Pier Luigi Lopalco, questa mattina parlando con i giornalisti a margine della visita alla nuova piastra di terapia intensiva allestita all’ospedale ‘Dimiccoli’ di Barletta. L’epidemiologo prestato alla politica ha anche annunciato che “per la scuola aspettiamo il decreto del Ministro della Salute, vediamo i contenuti del decreto e ragioneremo insieme su che cosa fare”.

Non solo. “In questi giorni stiamo lavorando – ha aggiunto – anche a un piano salute scuola che sia un piano innovativo, che possa anche tener conto delle innovazioni tecnologiche che abbiamo avuto in quest’ultima settimane, che la disponibilità di test antigienici di un certo livello, di terza generazione quindi anche considerando questo e la novità importantissima che rappresenta la svolta della pandemia ovvero la vaccinazione. Noi speriamo che con la vaccinazione, il testing e le nuove modalità operative per il tracciamento – ha concluso – possiamo comunque fornire al mondo scolastico un gradino in piu’ di sicurezza”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Una pioggia di sentenze dei giudici da pagare, il Comune di Bisceglie sommerso dai debiti fuori bilancio

Tra il 17 e il 19 giugno si riunirà il Consiglio comunale di Bisceglie con la consueta modalità mista in presenza/videoconferenza. L’ordine del giorno per questa volta è molto lungo: ci sono ben 35 punti da discutere. Quello che è ancora più controverso, è invece il contenuto di questi punti: quasi tutti parlano di debiti […]

Spina: «Manifesti “selvaggi” autorizzati da Angarano?»

«Mi dispiace veramente, oggi, vedere un uomo di forte etica morale come Enrico Letta essere trascinato da Angarano in un contesto di illegalità e impunità come quello biscegliese. Se una qualsiasi attività commerciale o sociale o culturale avesse voluto promuovere un evento attraverso la proliferazione a decine e decine (per strada, sui muri e ai […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: