Covid: in Puglia meno positivi ma più ricoveri

Anche se il rapporto tra test eseguiti e numero di persone positive fa ben sperare scendendo dopo alcuni giorni sotto il 10%, gli ospedali pugliesi sono ancora sotto pressione: in tre giorni, infatti, la percentuale di posti letto occupati nelle terapie intensive dai malati di Covid è salita dal 33% al 37%, secondo quanto ha certificato oggi dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas), che ha confrontato i dati del 22 e del 25 gennaio. Questo significa che la percentuale di posti letto occupati nelle Intensive è sette punti sopra la “soglia critica” fissata dal ministero della Salute al 30%. Ad aumentare è anche l’occupazione dei posti letto nell’area medica Covid (pneumologia, malattie infettive e medicina) che sale al 40%, segnando +1% rispetto al report di venerdì scorso. Nelle ultime 24 ore, inoltre, il numero complessivo dei pazienti Covid ricoverati negli ospedali pugliesi è passato da 1.549 a 1.583, con un aumento di 34 unità.

Oggi il bollettino regionale ha registrato 995 nuovi casi su 11.790 test, con un tasso di positività dell’8,43%, in discesa rispetto al 10,1% di ieri e all’11,06% di due giorni fa. Consistente anche oggi il numero dei decessi, 30 in tutto (2 in meno rispetto a ieri). I nuovi casi positivi rilevati oggi sono 272 in provincia di Bari, 246 in provincia di Taranto, 163 in provincia di Lecce, 121 in provincia di Foggia, 97 in provincia di Brindisi, 82 nella provincia Barletta-Andria-Trani. Nove casi riguardano residenti fuori regione, mentre 5 casi sono di residenza non nota. I decessi sono avvenuti 11 in provincia di Bari, 6 nel Foggiano e altri 6 nel Tarantino, 4 nella provincia BAT, 2 nel Leccese, 1 nel Brindisino. Attualmente i pazienti guariti in Puglia sono 60.729, in numero superiore rispetto ai 53.715 attualmente positivi. Sempre l’Agenas rileva che sono raddoppiati gli accessi nei Pronto soccorso della Puglia per casi sospetti di Covid: dal 12 al 25 gennaio ci sono stati 4.094 accessi (292 al giorno), quasi il doppio rispetto ai primi 12 giorni del mese quando i sospetti Covid quotidiani erano 166. Mediamente, rispetto agli ingressi totali nei Pronto soccorso, il 20% riguarda possibili pazienti Covid.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Dieci candeline per la ditta Marchese La Stampa Di Classe

La ditta Marchese La Stampa Di Classe nasce il 31 luglio 2011, in via Alcide De Gasperi 92 a Bisceglie, con obiettivo principale la fornitura di una vasta gamma di servizi rivolti alla comunicazione. “Sono stati 10 ANNI di obiettivi mirati, scelte e cambiamenti talvolta audaci. L’anniversario che ci vedrà protagonisti nel 2021 è solo una tappa […]

Stop a pesce fresco, scatta fermo pesca

Stop al pesce fresco a tavola per l’avvio del fermo pesca che porta al blocco delle attività della flotta italiana lungo l’Adriatico. A darne notizia è Coldiretti Impresapesca in occasione dell’avvio del provvedimento che dal 31 luglio bloccherà le attività dei pescherecci dal Friuli Venezia Giulia al Veneto, dall’Emilia Romagna fino a parte delle Marche […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: