Lunedì riparte la scuola tra proteste e polemiche

Polemiche e manifestazioni da nord a sud hanno caratterizzato queste ore che precedono la ripresa della scuola in presenza, da lunedì, per tutti gli 8,3 milioni di studenti italiani anche se al 50%, alternandosi in classe, per i 2,5 milioni delle superiori. I ragazzi ieri mattina sono scesi in piazza in 20 città italiane, unendosi alle iniziative promosse dai sindacati di base in occasione dello sciopero promosso ieri in alcuni comparti, per lamentare che la riapertura è avvenuta “in condizioni drammatiche” senza tutele per gli studenti e il personale della scuola, “con le classi pollaio, i trasporti sovraffollati e con l’assenza di un adeguato tracciamento dei contagi“.

“Siamo stati abbandonati”, hanno gridato studenti e docenti che si sono radunati a Roma, e poi hanno sfilato fino al ministero dell’Istruzione. Da lunedì, dunque, torneranno a scuola tutti gli oltre 8 milioni di studenti italiani; ultime in ordine di tempo, con il rientro sui banchi degli studenti delle superiori, anche quelli della nostra regione pugliese a cui si aggiungeranno i ragazzi della Sicilia se i dati le permetteranno di lasciare la zona rossa. Ma le polemiche non cessano: il governatore della Puglia, Michele Emiliano, criticato in queste settimane per aver consentito la didattica digitale integrata a tutte le famiglie che ne facessero richiesta, ha detto che “a scuola vige l’obbligo di presenza, ma l’obbligo di frequenza durante una pandemia è inconcepibile. Chi pretende di dire ad una famiglia ‘devi portare per forza fisicamente tuo figlio a scuola’, viola il diritto alla salute previsto dalla Costituzione”. Ed ha aggiunto che “la didattica in presenza è pericolosa non solo per la scuola in sè per sè, che potrebbe essere sicura, ma in teoria c’è un milione di persone che va avanti e indietro due volte al giorno ed è una cosa folle”.

Polemiche poi hanno destato in Campania le parole del governatore De Luca il quale ieri ha invitato i dirigenti scolastici a non differenziarle gli orari di ingresso, “assicurando piuttosto il rispetto dei limiti percentuali di presenza in aula degli alunni attraverso forme di rotazione”, per venire incontro alle famiglie che avrebbero difficoltà nel gestire arrivi scaglionati in classe da parte di più figli.   Ed è allarme per l’aumento dei minori maltrattati durante l’emergenza Covid segnalato dalle Corti di appello: lo lancia il Primo presidente della Cassazione Pietro Curzio all’anno giudiziario. “Nell’anno appena trascorso, in assenza di quella stanza di compensazione che è la scuola e di attività esterne, si è riscontrato un silenzioso aumento dei maltrattamenti in famiglia verso minori e più in generale l’incremento di situazioni concernenti minori maltrattati o abbandonati”. Infine l’Unione delle Province italiane chiede di riservare una quota delle risorse del Recovery alla realizzazione di 100 nuove scuole secondarie superiori innovative, digitali e sostenibili dal punto di vista energetico.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Nova Apulia, Cgil: stop alle attività, stato d’agitazione dei dipendenti

Le lettere di licenziamento sono già partite, nella Bat 8 dipendenti della società Nova Apulia concessionaria del Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo per la gestione dei servizi di accoglienza e di biglietteria stanno per perdere il loro lavoro. Dal 2013 si occupano di servizi come la biglietteria e il bookshop […]

8 marzo, Cgil Bat: “E donna sia… anche in pandemia”

L’8 marzo, nella giornata internazionale della donna, si terrà un incontro in diretta streaming promosso dalla Cgil Bat sul ruolo della figura femminile in pandemia, dalla scuola alla sanità, passando per le istituzioni e in generale attraversando l’intero mondo del lavoro declinato al femminile. “E donna sia… anche in pandemia” è il nome dell’iniziativa delle […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: