Capigruppo maggioranza: «Da Spina calunnie e falsità che offendono persone e istituzioni»

Chi oggi offende il Sindaco e l’amministrazione con linguaggio violento e velenoso è colui che ha lasciato la Città allo sfascio su tutti i fronti. Solo per fare qualche esempio, basti pensare allo stato di abbandono non cui versava il commercio cittadino, senza regole e un piano strategico che desse certezze. Lo specchio emblematico e fedele di un modo di amministrare approssimativo, precario e disordinato. Abbiamo rimediato. Il settore del sociale gestito con il più becero e sterile assistenzialismo; perché forse la vera emancipazione dal bisogno faceva paura? Stesso metodo utilizzato per i contributi alle associazioni con gli sperperi di denaro pubblico, come i 160mila euro spesi per un film. Le politiche abitative completamente trascurate tanto da far scoppiare l’emergenza che oggi viviamo e sulla quale non si registra alcun intervento pubblico. Opere pubbliche inaugurate in pompa magna ed utilizzate senza che avessero l’agibilità, come il Teatro Garibaldi, lo stadio “Di Liddo”, il teatro Mediterraneo (anfiteatro). Mettendo in pericolo le tante persone che quelle strutture accoglievano! Stiamo rimediando. Altre opere pubbliche che “fanno acqua” da tutte le parti, come la piscina comunale in “cartongesso” e il waterfront che si allaga ad ogni pioggia. Abbiamo ottenuto un finanziamento di un milione e mezzo di euro per rimediare anche a quest’ultimo problema con lavori strutturali. Ancora: lavori fermi per anni, come sulla litoranea dove era crollata la falesia e la nuova area mercatale. E opere promesse e mai fatte, come il casello autostradale o la spiaggia per persone con disabilità che in realtà fu una pedana per fare i tuffi. La carenza di loculi al cimitero mai curata tanto da diventare emergenza. Il personale del Comune completamente trascurato senza un turn over che garantisse continuità agli uffici. Organico della Polizia Locale lasciato languere per dodici anni malgrado le evidenti carenze di personale. Per la logica “tanto chissenefrega di chi viene dopo”? Tutti gli strumenti basilari per il buon governo e lo sviluppo della Città completamente assenti o stravecchi: solo per fare degli esempi, piano strategico del commercio, piano urbanistico generale (vige ancora il Piano regolatore degli anni 70′), piano delle coste. Stiamo rimediando. E se per il “PUG” abbiamo preferito la nomina del Commissario è perché siamo ONESTI, memori degli esempi di un “Pirp” annullato dal Consiglio di Stato per i numerosi conflitti di interesse tra i consiglieri che l’avevano votato. Gestione dei rifiuti pessima con un contenzioso enorme lasciato e un servizio carente. Conti comunali ingessati dal contenzioso ingenerato per il caos della zona 167, dove c’è un contenzioso di milioni di euro perché l’ex sindaco ha cercato inutilmente di resistere in tutti i gradi di giudizio, forse solo per rimandare l’esplosione della bomba?
Questi sono solo degli esempi di come la nostra Città è stata dis-amministrata negli scorsi anni, con una politica senza alcun interesse e visione per il futuro. Ci sarebbe molto altro da dire ma preferiamo restare concentrati  sul lavoro perché rimediare alle macerie che questo personaggio in cerca d’autore ha lasciato non è certo semplice e non lo si può fare dall’oggi al domani. Si vanta con boria di essere stato un buon politico ma, dopo aver cambiato casacche politiche innumerevoli volte per tentare di andare al parlamento, è stato bocciato dalla città senza appello, visto che ha appoggiato alle successive amministrative una coalizione che non è arrivata nemmeno al ballottaggio. Non si rassegna a non detenere più la poltrona e il potere. Ogni giorno vomita calunnie e falsità che offendono le persone e le Istituzioni. Propone ricorsi in tutte le sedi possibili ed immaginabili per cercare di impedire a questa amministrazione di governare. In piena pandemia alza irresponsabilmente i toni per aizzare e fomentare rabbia sociale approfittando delle difficoltà e della stanchezza della Comunità, dimostrando di essere una persona livorosa e autoreferenziale.
L’anno scorso il Comune di Bisceglie per il commercio ha approvato una maximanovra tributaria, unica nella storia di Bisceglie, che ha compreso considerevoli sgravi ed esenzioni su Tosap, Imu e Tari, per un investimento di oltre due milioni di euro di risorse comunali. Questi sono fatti. Anche quest’anno faremo ogni sforzo possibile per sostenere il comparto del commercio e per essere accanto a chi è in difficoltà. Con buona pace dei bugiardi patologici, dei mentitori seriali, degli eterni rancorosi.
NOTA SOTTOSCRITTA DAI CAPIGRUPPO DI MAGGIORANZA IN CONSIGLIO COMUNALE: Pierpaolo Pedone, Carla Mazzilli, Francesco Carelli, Franco Coppolecchia, Luigi Di Tullio, Giuseppe Losapio, Piero Innocenti, Sergio Ferrante.

One thought on “Capigruppo maggioranza: «Da Spina calunnie e falsità che offendono persone e istituzioni»

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Clamoroso: salta il Consiglio Comunale, la convocazione non conteneva l’Ordine del Giorno

Salta il consiglio comunale: l’avviso di convocazione non conteneva l’ordine del giorno. La seduta dovrà essere ripetuta, con ulteriori spese per la tenuta del consiglio comunale. I consiglieri di opposizione hanno evidenziato la nullità dell’atto di convocazione per la mancanza dell’indicazione degli argomenti da discutere e il Consiglio Comunale è stato annullato . La seduta […]

Un prestigioso studio legale biscegliese tra i migliori d’Italia. I complimenti di Sergio Silvestris

“C’è una città profonda, operosa e fattiva, che batte ogni primato. È quella parte di Bisceglie che lavora in silenzio, facendo dello studio e dell’impegno serio la sua unica missione”. Lo afferma Sergio Silvestris, Presidente dell’Associaizone Borgo Antico. “Oggi ce lo dimostra lo Studio legale Loalex, interamente composto da giovani professionisti biscegliesi: per il Sole […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: