È il giorno della vaccinazione per gli under 80, visita al PalaCosmai del commissario della Asl

È cominciata oggi, 12 aprile, anche nella Asl Bt la campagna di vaccinazione degli under 80 alla quale si è aggiunta, secondo quanto disposto dalla Regione Puglia, la vaccinazione con AstraZeneca dei cittadini di 79 anni (nati nel 1942) non prenotati e senza fragilità.

Per la giornata di oggi si è proceduto alla vaccinazione negli hub di tutti i cittadini pugliesi senza fragilità di 79 anni (nati nel 1942). Al PalaCosmai di Bisceglie, scelto come luogo per la campagna, è intervenuto in mattinata il commissario della Asl Bat Alessandro Delle Donne che ha incontrato il sindaco Angelantonio Angarano. Domani martedì13 aprile la vaccinazione sarà aperta alla fascia dei 78 anni (nati nel 1943). Ovviamente sino ad esaurimento dei vaccini disponibili.

Man mano che gli slot verranno saturati sarà consentito, a seguito di apposita comunicazione, sbloccare le altre fasce di età per ordine di anzianità per presentarsi agli hub per la vaccinazione.

Sono sbloccate progressivamente da domani le adesioni sulla piattaforma “La Puglia ti vaccina” per le vaccinazioni per la fascia 69-60 anni. Inoltre da oggi si sono aperte le adesioni per chi è nato dal 1 gennaio 1952 al 31 dicembre 1953.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Scuola, Codacons Puglia: Rafforzare didattica distanza con facoltà famiglie

“Con la crescita dei contagi e le previsioni delle varianti Delta ed Epsilon, per la tutela degli interessi collettivi degli utenti scolastici chiediamo al ministero dell’istruzione, al provveditorato di Bari e al governatore della Puglia di provvedere al rafforzamento della Dad, la didattica a distanza, già sperimentata lo scorso anno”. Così l’associazione Codacons Puglia, in una nota, […]

Pnrr, Fp e Cgil Bat: “Nelle Pubblica Amministrazione carenza di organico, difficile gestire progetti”

C’è una battaglia più appariscente, da parte dei sindaci pugliesi e meridionali, che è certamente giusta nel rivendicare un diverso riparto delle risorse del PNRR, ce n’e è un’altra condotta da poche personalità illuminate, che riguarda gli organici degli Enti locali che non sono in grado di spendere i soldi comunque disponibili. Quasi tutte le […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: