La Puglia è la quarta Regione in Italia per somministrazione vaccini

“La PUGLIA è la quarta regione di Italia per somministrazioni di vaccino anticovid” rispetto a quelle consegnate. Lo sottolinea la Regione, che tuttavia annuncia da domani il proseguimento delle vaccinazioni solo per la fascia di età dai 79 ai 60 anni, con adesione sul sito ‘La Puglia ti vaccina’ e lo stop alla procedura a ‘sportello’ (cioè senza prenotazione) a causa delle esiguità delle dosi rimaste. Nuove consegne di vaccino anticovid sono attese per mercoledì. Finora sono state effettuate 967.273 dosi su 1.071.275 consegnate, pari al 90,3% (dato aggiornato alle ore 17), preceduta solo da Umbria, Veneto ed Emilia Romagna. La campagna vaccinale in Puglia procede dando priorità ai cittadini con elevata fragilità, che sono presi in carico dai medici di medicina generale o dai centri di cure specialistiche; agli over 80 negli ambulatori e a domicilio; e per età, a partire dai 79 anni in giù senza fragilità. Le percentuali di persone vaccinate per fasce di età (dati aggiornati alle ore 17) sono: 1° dose over 80 anni PUGLIA all’ 80,8% (dato Italia: 80,3%); 2° dose over 80 anni Puglia al 47,8% (dato Italia: 38,3%). Per i 79enni (nati nel 1942) 1° dose 65%; per i 78enni (nati nel 1943) 1° dose 64%; per i 77 anni (nati nel 1944) 1° dose 49%; per i 76enni (nati nel 1945) 1° dose 42%; per i 75enni (nati nel 1946) 1° dose 35%.

Con ‘La Puglia ti vaccina’ non occorre prenotare, basta confermare l’appuntamento già pianificato dalla Regione sulla base della data di nascita e del Comune di residenza registrati in anagrafe sanitaria. Per aderire occorrono codice fiscale, tessera sanitaria e recapito telefonico per eventuali comunicazioni da parte dell’Asl.E possibile conoscere e confermare data e luogo del proprio appuntamento in tre modalità: piattaforma lapugliativaccina.regione.Puglia.it servizio online, con possibilità di stampare il promemoria e il modulo di consenso informato numero verde 800.71.39.31, attivo dal lunedì al sabato dalle ore 8 alle 20farmacie accreditate al servizio FarmaCUP. Le persone in condizioni di fragilità seguono invece un percorso dedicato: attendono la chiamata del medico o del centro specialistico di cura se sono estremamente vulnerabili; contattano il proprio medico se hanno una grave disabilità ai sensi della legge 104.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Dalle estorsioni al caporalato, anche la Bat nella geografia criminale disegnata dall’Antimafia pugliese

Sacra Corona Unita, compagini baresi e mafie foggiane. Questo il quadro attuale della “geografia criminale pugliese” articolata in “tre macro-configurazioni criminali” e analizzata nella relazione sulla ‘Diffusione delle varie forme di criminalità organizzata nella Regione Puglia’, approvata dalla Commissione parlamentare Antimafia sul finire della scorsa legislatura e ora resa pubblica. La Sacra Corona Unita è […]

Shoah, Silvestris organizza un momento di commemorazione: “Per non dimenticare”

Stasera giovedì 26 gennaio alle ore 19 in via della Giudecca (alle spalle della Chiesa di San Domenico,nel centro storico) terremo un momento di commemorazione e riflessione sull’olocausto, nella vigilia del giorno della memoria. «Ricorderemo l’orrore della Shoah, la presenza ebraica a Bisceglie e le vicende accadute nella nostra città a seguito delle leggi razziali. […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: