Sindaco e assessori si tagliano lo stipendio… ma è successo ad Andria

«Un gesto apprezzabile quello della sindaca di Andria e della sua giunta che decidono di ridursi i compensi. Si tratta di un segnale importante che serve a dare il buon esempio ma che soprattutto dimostra il rispetto delle regole e il rispetto verso i cittadini che, in maniera diversa, stanno tutti vivendo un momento complicato proprio dal punto di vista economico», le affermazioni del segretario generale della Cgil Bat, Biagio D’Alberto, sono pienamente condivisibili anche da parte della Redazione de “La Diretta”.

Accade ad Andria, purtroppo. E non a Bisceglie come la stessa Amministrazione del Sindaco Angarano aveva promesso durante la campagna elettorale, mostrando un mega assegno di 120mila euro intestato «alla nostra amata Bisceglie”. Registriamo, quindi, la deliberazione della giunta comunale di Andria con la quale si rende esecutiva la riduzione delle indennità per le cariche istituzionali.

«Così anche gli amministratori locali compiono il loro piccolo sacrificio in un momento in cui ad Andria, per via del pre-dissesto, di sacrifici ai cittadini se ne chiedono tanti vista la tassazione al massimo. In un quadro complesso come quello andriese questa decisione della Sindaca e della giunta ci pare un atto di responsabilità verso la comunità che guidano» conclude D’Alberto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Manifesti anti-abortista in città, “Bisceglie Unita”: «Fatti passare per “sostegno alla maternità”»

Di seguito, il comunicato stampa di Bisceglie Unita, un gruppo di giovani Biscegliesi, che vogliono portare la voce cittadina che vivono ad un livello più alto! Spesso le realtà giovani come la nostra trovano difficoltà nel prendere posizioni, c’è sempre il timore che qualcuno ti possa accostare ad un’area politica, piuttosto che ad un’altra.   […]

Programma satirico anti Ue, Ricchiuti (FdI): solidarietà alla Redazione del programma “Anni 20”, a rischio chiusura»

«Esprimo la mia piena solidarietà alla redazione del programma anni 20 su Rai2 a rischio provvedimenti di chiusura per un servizio satirico anti-UE . La loro “colpa” è stata quella di aver esercitato diritto di critica e pluralismo di informazione. Il PD grida allo scandalo e invoca il bavaglio. Democrazia a corrente alternata». Lo dichiara […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: