Chiudono diversi hub in Puglia, i vaccini sono pochissimi

Scarseggiano i vaccini anti Covid in Puglia e, mentre medici di famiglia preparano la protesta per denunciare “il caos”, in alcuni Comuni del Barese ieri gli hub sono rimasti chiusi. Sino a ieri mattina alle 6, erano stati somministrati, 1.059.650 vaccini, l’85,8% di quelli consegnati, pari a 1.234.635. La Puglia è terza in Italia per dosi inoculate, dopo Veneto e Marche. Nei magazzini, quindi, ci sono attualmente 174.985 vaccini, dopo le consegne di mercoledì di Pfizer e ieri di J&J. Nel dettaglio la giacenza di Astrazeneca è di sole 33.289 dosi; di Pfizer 113.826; Moderna 27.870. Sabato i medici da base aderenti alla Fimmg terranno una manifestazione online, “#iorispettolafila”, per protestare “contro il caos vaccini”. L’incontro prevede la presentazione della situazione relativa alla “scarsità delle seconde dosi, al proliferare di Vax day dedicati a singole categorie e alla poca trasparenza della distribuzione dei vaccini”, dicono dalla Fimmg Bari. Ad oggi, secondo il rapporto della fondazione Gimbe, in Puglia la percentuale di popolazione che ha completato il ciclo vaccinale è pari al 6,8%, si sale al 19,4% se si considerano solamente gli abitanti che hanno ricevuto almeno la prima dose.

La Puglia è sopra la media italiana, pari al 18,8%. Per quanto riguarda la categoria degli over 80, la percentuale che ha completato il ciclo vaccinale e’ pari al 49,6%, si sale all’82,7% calcolando solamente la somministrazione della prima dose (media italiana 81,8%). L’accelerazione che c’è stata nelle ultime due settimane nelle somministrazioni deve, però, fare i conti con gli scarsi rifornimenti. Intanto, si registra un calo su base settimanale dei contagi, anche se oggi c’è stato un nuovo importante rialzo di casi. Secondo Gimbe, dal 14 al 20 aprile i contagi sono diminuiti del 7,2% rispetto alla settimana precedente, mentre i casi attualmente positivi ogni 100mila residenti sono passati da 1.306 a 1.260. Però, il bollettino regionale di oggi registra un peggioramento improvviso, infatti su 12.472 test sono emersi 1.895 casi positivi (15,19%): 730 in provincia di Bari, 127 in provincia di Brindisi, 203 nella provincia Bat, 347 in provincia di Foggia, 209 in provincia di Lecce, 271 in provincia di Taranto, 1 caso di residente fuori regione, 7 casi di provincia di residenza non nota. Ieri i nuovi casi erano 1.141 su 12.937 test (8,8%). Sono stati registrati 35 decessi: 18 in provincia di Bari, 1 in provincia di Brindisi, 7 in provincia di Foggia, 4 in provincia di Lecce, 5 in provincia di Taranto. In tutto in Puglia hanno perso la vita 5.568 persone. I pazienti guariti sono 170.041 mentre ieri erano 168.250 (+1.791). Sono 49.422 i casi attualmente positivi (+69); i pazienti ricoverati sono 2.079 (-53). Il totale dei casi positivi Covid in Puglia dall’inizio dell’emergenza è di 225.031.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Dieci candeline per la ditta Marchese La Stampa Di Classe

La ditta Marchese La Stampa Di Classe nasce il 31 luglio 2011, in via Alcide De Gasperi 92 a Bisceglie, con obiettivo principale la fornitura di una vasta gamma di servizi rivolti alla comunicazione. “Sono stati 10 ANNI di obiettivi mirati, scelte e cambiamenti talvolta audaci. L’anniversario che ci vedrà protagonisti nel 2021 è solo una tappa […]

Stop a pesce fresco, scatta fermo pesca

Stop al pesce fresco a tavola per l’avvio del fermo pesca che porta al blocco delle attività della flotta italiana lungo l’Adriatico. A darne notizia è Coldiretti Impresapesca in occasione dell’avvio del provvedimento che dal 31 luglio bloccherà le attività dei pescherecci dal Friuli Venezia Giulia al Veneto, dall’Emilia Romagna fino a parte delle Marche […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: