Furti d’arte, bilancio 2020 dei Carabinieri in Puglia. Tra i beni recuperati anche uno stemma araldico rubato a Bisceglie

Nel 2020 i carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Bari hanno sequestrato 1.329 beni (contro i 531 del 2019), di cui 126 di tipo antiquariale, archivistico e librario, 19 reperti paleontologici, 1.181 reperti archeologici e 3 opere d’arte contraffatte, per un valore economico stimato in oltre 1,5 milioni di euro per i beni autentici e di 7 mila euro per quelli contraffatti, qualora immessi sul mercato come originali.

È il bilancio dell’attività del nucleo sui territori di Puglia e Basilicata. Complessivamente nei dodici mesi sono state denunciate 90 persone per i reati di ricettazione, violazioni in materia di ricerche archeologiche, detenzione di materiale archeologico, contraffazione di opere d’arte, violazioni in danno del paesaggio e 28 sono state le perquisizioni eseguite. “Le attività delinquenziali connesse ai Beni culturali – spiegano gli investigatori – hanno sì risentito della crisi pandemica, ma hanno trovato un florido sbocco nel commercio illecito a mezzo e-commerce”. La illecita compravendita di arte online ha permesso il recupero di 1.181 reperti archeologici databili IV- II sec. a.C., dei quali 871 monete di “natura archeologica”.

Nell’ambito del settore archivistico e librario sono stati rinvenuti e sequestrati 240 documenti antichi (databili nel periodo tra il XVI e il XIX secolo), trafugati dall’archivio diocesano di Bisceglie, del valore di circa 400 mila euro. Tra i beni recuperati c’è anche uno stemma araldico in marmo bianco, risalente al XVIII secolo, trafugato nel 1992 da un palazzo del centro storico di Bisceglie e rinvenuto in vendita presso un antiquario di Riva del Garda.

“Il fenomeno che ancora oggi minaccia maggiormente il patrimonio culturale in Puglia e in Basilicata -evidenziano i militari- è sicuramente lo scavo clandestino che alimenta un traffico di importanti proporzioni. È da queste due regioni che gran parte dei reperti archeologici nazionali, spesso di inestimabile valore storico-culturale, vengono illecitamente trasferiti e venduti all’estero”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Covid: nessun morto in Puglia oggi, non accadeva da diversi mesi. Registrati 73 casi su 4001 test

È in calo e torna di nuovo sotto 100 il numero di nuovi casi di Covid19 oggi in Puglia, a fronte di una diminuzione dei test. Per la prima volta da tantissimo tempo non si registrano decessi. Non accadeva probabilmente dall’estate scorsa o dal primo autunno. Continua a buon ritmo l’aumento dei guariti e allo […]

Covid: in Puglia 140 nuovi casi e 3 decessi

Oggi in Puglia sono stati registrati 5.944 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e 140 casi positivi: 43 in provincia di Bari, 22 in provincia di Brindisi, 23 nella provincia BAT, 12 in provincia di Foggia, 15 in provincia di Lecce, 23 in provincia di Taranto, un caso di residente fuori regione, un caso di provincia di […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: