Donna coraggio salva due bambini in mare. Assente sulle spiagge il servizio di salvataggio

Il racconto del salvataggio di due bambini in mare da una parte, e la segnalazione dell’assenza -quest’anno- del servizio di salvataggio sulle nostre spiagge dall’altra. E’ questo, in sintesi, il contenuto di una lettera (firmata) pervenuta in Redazione nella giornata di giovedì 8 luglio.

«Volevo esporre un problema ben sapendo che la Vostra Redazione è molto attenta alle problematiche della nostra città», esordisce il signor Domenico.
«Mi riferisco al servizio di sorveglianza dai bagnini delle nostre spiagge. Stamattina (ndr, ieri) mia moglie alla Seconda Spiaggia ha salvato due bambini che stavano rischiando di annegare nonostante il mare calmo …  si sono allontanati e nonostante c’era tanta gente e mia moglie era con il nostro piccolino ha sentito due bambini, fratello e sorella, gridare aiuto. Mia moglie ha lasciato il nostro piccolino alla riva e si è tuffata per salvarli».

Il signor Domenico ha voluto segnalare questo episodio «non certo per fare pubblicità all’evento, ma per segnalare, come già detto, alle Autorità competenti la mancanza del servizio di salvataggio sulle nostre spiagge».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Diventa mamma partorendo nel parcheggio dell’ospedale Di Venere. Storia a lieto fine per donna biscegliese

Una storia di emergenza con lieto fine è stata raccontata dal sito barinedit.it e sebbene ambientata nel capoluogo pugliese, riguarda una cittadina di Bisceglie. Emergenza e maternità, perché la storia finisce con la nascita di un bambino avvenuta dentro l’abitacolo di un’auto in sosta nel parcheggio dell’ospedale “Di Venere”, dato alla luce proprio dalla neo-mamma […]

Bisceglie, lei lo denuncia e lui le brucia la macchina: arrestato

I responsabili degli incendi avvenuti a Bisceglie, l’11 e il 14 febbraio dell’anno scorso sarebbero un uomo ed una donna: i due, arrestati dai carabinieri, sono accusati di incendio doloso in concorso. Altre tre persone, considerate loro complici, sono state raggiunte dall’obbligo di dimora. Secondo quanto accertato, in entrambi gli episodi i due avrebbero riempito […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: