Olimpiadi, Boccia: «La vasca da 50 per Elena? La politica si impegni e investa»

“L’estate 2021 per lo sport italiano è stata ricca di soddisfazioni; dal trionfo della nazionale di calcio ai Campionati europei a Wembley, alla finale di Wimbledon di Berrettini, fino alle Olimpiadi di Tokyo non c’è stato un italiano che non si sia sentito fiero e orgoglioso di essere rappresentato dal tricolore di quegli splendidi atleti.

Una bandiera che rappresenta l’Italia di oggi, un’Italia bella, multiculturale, capace di stupire, di rialzarsi e tenere incollati al televisore milioni di persone che si sono appassionati alle loro storie, alla loro forza, alla loro voglia di conquistare il mondo. Siamo tutti orgogliosi di questi ragazzi.

E non c’è stato biscegliese che non si sia appassionato alle gare di Elena Di Liddo, che non abbia fatto il tifo per lei, che non avrebbe voluto essere a bordo piscina per incitarla e gioire con lei. L’intera comunità è stata orgogliosa di essere rappresentata a livello mondiale, da un’atleta e ragazza d’oro come Elena. Grazie Elena, grazie di cuore per Tokyo 2020, per tutto quello che hai fatto in questi anni e per tutto quello che verrà.

E lo scambio avuto con Federica Pellegrini, al suo primo giorno da membro del CIO in rappresentanza degli atleti, sulla vasca dei 50m a Bisceglie, ci ha subito riportati alla cruda realtà. Quella domanda deve essere un’esortazione per tutta la politica, a tutti i livelli, ad investire di più nel nuoto e in tutti quegli sport di cui ci si ricorda, colpevolmente, solo ogni quattro anni. Serve un impegno collettivo e senza confini politici sugli investimenti negli impianti sportivi, nelle palestre delle scuole, nelle piscine, sulle piste. È necessario rafforzare le strutture delle scuole che offrono alle bambine e ai bambini la prima possibilità di scoprire la bellezza dello sport, vivendo in maniera sana e simbiotica con quei valori che ti porti dietro tutta la vita.

Non possiamo ricordarci di tutti loro soltanto quando ci regalano sorrisi, emozioni o medaglie alle Olimpiadi; una società moderna, aperta, com’è l’Italia di oggi, deve essere al servizio dei ragazzi e deve occuparsi di loro fin da piccoli. Elena ce l’ha fatta per la sua determinazione e per una famiglia eccezionale che l’ha accompagnata verso i suoi sogni. Dalla sua esperienza va tratto l’insegnamento che innanzitutto a Bisceglie, cosi come in molte città di provincia in Italia, i ragazzi devono sempre avere, attraverso strutture adeguate, la possibilità di vivere i propri sogni fino in fondo”. Cosi Francesco Boccia, deputato PD e responsabile Enti locali della Segreteria nazionale.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Green pass. Ricchiuti (FdI): sostituire lavoratori nelle piccole aziende? Da governo barzelletta

“‘Le imprese con meno di 15 dipendenti potranno sostituire i lavoratori sospesi perché non in possesso del green pass per un totale di 20 giorni in due tranche da 10, fino al 31 dicembre’. Questo prevede il decreto legge che estende il green pass. Sembra una barzelletta ma non lo è, piuttosto rappresenta la distanza […]

Trattamento di Fine Mandato, la maggioranza di centrosinistra alla Regione Puglia: «Sarà abrogato»

“Nella riunione di maggioranza tenutasi stamattina con il presidente Emiliano abbiamo deciso di optare per l’abrogazione del Trattamento di fine mandato e rinviare la discussione ad un momento più favorevole, quando saranno diverse le condizioni economiche e sociali della Puglia”. Lo annunciano i capigruppo di maggioranza Filippo Caracciolo (PD), Grazia Di Bari (M5S), Gianfranco Lopane […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: