Refezione scolastica parte il 3 novembre: “Si torna alla normalità con un nuovo servizio, più efficiente e di qualità”

“Il servizio di refezione scolastica per gli alunni iscritti alla scuola dell’infanzia e primaria partirà il 3 novembre. Le procedure burocratiche hanno richiesto più tempi del previsto, ma ciò che conta è che ci lasciamo alle spalle un servizio che non veniva rinnovato da almeno 16 anni, contrassegnato da una ripetitività dei pasti quasi settimanale e con un sistema di prenotazione del pasto manuale e cartaceo ormai davvero insostenibile”. Lo ha reso noto il Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano.

“Lo scorso anno scolastico, in piena pandemia, è stato necessario rinunciare alla mensa scolastica per lo svolgimento in presenza delle lezioni senza ulteriori tensioni e pericoli per la salute di bambini e insegnanti”, ha aggiunto il primo cittadino. “Da mercoledì 3 novembre, si ritorna a vivere un momento importante per i bambini con un servizio in linea con le normative e gli standard moderni, privilegiando l’uso di prodotti stagionali, a filiera corta, proponendo menu vari in termini nutritivi, seguendo il modello alimentare Mediterraneo al fine di assicurare la corretta alimentazione dei bambini. Ulteriore innovazione è data dalla telematizzazione del servizio, anche attraverso una App che ne faciliterà la fruizione”, ha sottolineato il Sindaco Angarano. “A fronte dell’innalzamento della qualità, la tariffazione dei pasti è parametrata al reddito secondo un principio di equità sociale, con diversi scaglioni in base all’ISEE ed esenzioni totali per nuclei famigliari maggiormente in difficoltà. Monitoreremo attentamente l’avvio e lo svolgimento del servizio con sopralluoghi e rimanendo sempre in ascolto di dirigenti scolastici, docenti e famiglie”, ha concluso il Sindaco di Bisceglie.

“Ringraziamo le famiglie ed i dirigenti con il personale scolastico che hanno atteso con pazienza e in pieno spirito di collaborazione il servizio di refezione scolastica”, ha aggiunto Loredana Bianco, Assessore alle politiche scolastiche del Comune di Bisceglie. “Non è stato un percorso semplice perché sono intervenute diverse variabili ma ciò che più conta è che abbiamo lavorato per il miglioramento della mensa scolastica, un servizio fondamentale per la comunità, utile per molte famiglie nella gestione dei tempi casa/lavoro ma anche un momento fondamentale di socializzazione e condivisione nell’ambito della didattica”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Un progetto didattico nella sezione carceraria dell’IISS “S. Cosmai”

Il percorso che ha intrapreso anni orsono l’IISS “S. Cosmai” di avviare nella sede carceraria di Trani una sezione dell’indirizzo “Manutenzione e Assistenza Tecnica” non è andato esente da difficoltà. Solo la tenacia, però, ancora ci consente di consegnare al territorio, a Questo Territorio, una certezza. E una speranza. La speranza che la funzione emendativa […]

La Pro Loco di Bisceglie organizza il contest fotografico “Pugliaroid: Vieni a scattare in Puglia”

Pubblicato il bando della prima edizione del concorso fotografico “Pugliaroid: Vieni a scattare in Puglia” patrocinato dal Comune di Bisceglie e dal comitato regionale UNPLI Puglia. Al concorso potranno partecipare tutti gli appassionati d’arte fotografica, inviando fotografie che, parlando di tradizione, siano in grado di recuperare, valorizzare antichi mestieri e vecchi usi e costumi del […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: