Covid, ridiamoci su: “Andrà, tutto bene?”, la Compagnia Dialettale biscegliese alza il sipario al Politeama

L’estro creativo di Pino Tatoli, nel scrivere i testi di brillanti commedie, si è rivelato ancora una volta vincente su tutti i fronti. I lunghi mesi di lockdown, non sono trascorsi invano per l’autore di: Andrà … tutto bene? Il suo ultimo capolavoro, è stato portato ieri sera in scena con un successo strepitoso, presso il Teatro Politeama Italia di Bisceglie.

Geniale la scelta del titolo dalla Compagnia Dialettale Biscegliese, oltre a ricordare il famoso slogan creato agli inizi della pandemia, è diventato attraverso un gioco di parole del vernacolo, il nome del protagonista Andrea di Dio, interpretato dal bravissimo Uccio Carelli che ha diretto in modo egregio lo spettacolo, svoltosi nel pieno rispetto delle norme anti – Covid.

Le regole sono state fatte seguire scrupolosamente anche dall’ affaccendata casalinga Maria ( Mariangela Di Benedetto ) moglie di Andrea Di Dio, che ha preteso da tutti i suoi familiari e ospiti in casa compresi, di essere disinfettati e igienizzati, attraverso uno speciale macchinario a vapore, la cui funzione ha fatto scattare le risate del pubblico per le movenze degli attori. La trama si è rivelata con un intrecciato canovaccio di vicende parallele dei personaggi, nel quale tutti i nodi sono venuti al pettine solo al termine.

Il protagonista Andrea questa volta, è alle prese con le problematiche di sua sorella Cettina ( Angela Di Benedetto) la cui patologia è la ninfomania, tenuta sotto stretta sorveglianza dal medico Bellomo ( Franco Carriera) che esegue terapie di gruppo alle quali partecipano anche Elena ( Antonella Di Chiano, Giulia ( Pasqua Di Reda, Franca ( Maristella Lupone) e Damiano Demetrio de Toma. Ma i problemi quotidiani per Andrea non sono terminati, dovrà confrontarsi con suo figlio Gianni ( Francesco Mastrodonato ), che ha deciso di intraprendere la strada della magia e grazie al suo maestro il mago Dario ( Dario Caputi ) gli insegnerà alcuni trucchi, che purtroppo al povero giovane non riescono. Lui non si rassegna e si definisce un Mentalista, è un sensitivo che legge nel pensiero, senza riuscirci, uno dei numeri al quale vuole dimostrare la sua bravura e quello della donna sezionata in due, la vittima sarà la sua Nonna Rosina Lavolpicella ( Francesco Di Bitetto ) a confortare Andrea ci penseranno i suoi amici Pantaleo Di Reda, ( Vincenzo Lopopolo ) Presidente della Compagnia e Bartolo Di Leo ( Pino Tatoli ) ma anche loro gli porteranno altri grattacapi da risolvere.

Uccio Carelli, al termine dello spettacolo, ha voluto ricordare Antonio Caggianelli, il giovane ballerino professionista scomparso recentemente, che aveva fatto conoscere all’estero attraverso la sua arte la nostra città. Inoltre ha ringraziato allo staff di tecnici e il suggeritore Pino Catino.

I biglietti si possono acquistare in via Aldo Moro 15, presso la Maison Lacedonia Fotografia. Lo spettacolo sarà portato in scena anche il 3 – 4 – 5 e 6 Dicembre. Per maggiori informazioni, telefonare ai numeri 335 64 18 544 346 34 60 686. Congratulazioni a tutti gli attori, per la grande professionalità e talento dimostrati, il pubblico ha risposto con entusiasmo e un applauso scrosciante

Antonella Salerno

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Cinema: ‘Ti mangio il cuore’ con Elodie. Domenica i protagonisti ospiti al Politeama di Bisceglie

A partire da domani il film “Ti mangio il cuore” del regista Pippo Mezzapesa, con protagonista Elodie, sarà programmato nelle sale italiane. Lo rende noto Apulia Film Commission. Accolto con grande successo alla 79^ edizione della Mostra del Cinema di Venezia, i protagonisti della pellicola saranno in Puglia per quattro giorni, da domani a domenica […]

Riparte dalle scuole il “Teatro del Viaggio” di Gianluigi Belsito che si è anche esibito per il Principe di Monaco

Rappresentare i propri spettacoli in luoghi insoliti è da sempre la caratteristica della compagnia diretta da Gianluigi Belsito che, recentemente, ha anche messo in scena una performance su Federico II nel Castello di Trani per il Principe Alberto di Monaco. “Penso di essere l’unico artista pugliese” commenta il regista, con un pizzico di orgoglio “ad essersi esibito […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: