Giustizia svenduta, anche le parti civili chiedono di confermare la condanna agli ex pm Savasta, Scimè e agli altri imputati

Anche le parti civili si associano alla richiesta avanzata dal pg Giovanni Gagliotta chiedendo la conferma della sentenza di condanna inflitta in abbreviato ai cinque imputati coinvolti nell’inchiesta sulla giustizia svenduta al Tribunale di Trani tra il 2014 e il 2018: gli ex pm Antonio Savasta e Luigi Scimè, il primo condannato a 10 anni, il secondo a 4 anni; l’immobiliarista Luigi D’Agostino e gli avvocati Giacomo Ragno e Ruggero Sfrecola.

Tra le numerose costituzioni delle parti civili compaiono l’ordine degli avvocati di Trani, la Presidenza del Consiglio dei ministri e il ministero della Giustizia. Il processo è stato aggiornato al prossimo 22 febbraio.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Vendevano mascherine cinesi senza indicazioni in italiano, nei guai due farmacie (una di Bisceglie)

Mille mascherine irregolari. È quanto hanno scoperto i carabinieri del Nas di Bari nell’ambito dei servizi sulla commercializzazione di dispositivi medici e di destinazione d’uso sanitario. Nel corso di controlli presso una farmacia di Bisceglie e un esercizio commerciale di Bari, gestito quest’ultimo da una cittadina di nazionalità cinese, i militari hanno constatato la presenza di migliaia […]

In Puglia cambiano le regole sulle registrazioni dei casi positivi Covid

“Con le nuove regole sulla gestione dei casi confermati covid introdotte dal Governo nazionale, i test antigenici rapidi effettuati in farmacia o nei laboratori privati della rete regionale SARS-CoV-2 e registrati sul sistema informativo regionale sono stati resi equivalenti ai tamponi molecolari, senza necessità di conferma ai fini della sorveglianza e della gestione dei casi […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: