Gianni Casella: “Ho letto con attenzione gli appelli di Amendolagine e Napoletano, azzeriamo tutto e ripartiamo”

Ho letto con attenzione i comunicati pubblicati sulle varie testate giornalistiche da parte di Franco Napoletano e Enzo Amendolagine e desidero quindi, contribuire con un mio pensiero all’interessante dibattito politico, ma non prima di aver puntualizzato alcuni aspetti dell’ultima campagna elettorale del 2018, che mi hanno visto artefice come candidato Sindaco non vittorioso per una manciata di voti.
Una campagna elettorale condotta all’insegna di contenuti programmatici senza offendere alcuno, frutto di un opposizione tenuta per 5 anni non solo nelle aule istituzionali ma anche nella città con pubblici comizi oltre a convegni sulle varie tematiche riguardanti la nostra Bisceglie (aumento tari/debiti fuori bilancio/gestione delle risorse pubbliche/programmazione infrastrutturale ed investimenti futuri), tematiche e problematiche ripresi successivamente nel programma elettorale.
Mi guardo indietro e la domanda sorge spontanea, cosa è cambiato??
Si è cambiato tutto per non cambiare nulla…
Non mi pento di quanto fatto, non ho rimpianti, ho accettato la non vittoria consapevole del fatto che, non i cittadini, ma parte di quella politica ed i suoi aderenti non abbiano mai voluto che Casella diventasse Sindaco, forse perché non appartiene e mai è appartenuto alla sfera magica o perché non accettava compromessi se non per il bene della città, o perché non è figlio di… o perché semplicemente avrebbe, forse anche sbagliando, amministrato con cuore, forza e determinazione e quindi sbarrato la strada a future posizioni politiche legittime o meno, così come sta accadendo in questo momento.
Insomma è andata così…
Oggi invece e vengo al tema della discussione politica, a distanza di poco più di 15 mesi dalla prossima campagna elettorale, si iniziano ad intravedere con le candidature a Sindaco i probabili futuri scenari amministrativi della città.
Non mi va assolutamente di giudicare tantomeno essere censore degli stessi candidati, persone rispettabili dal punto di vista umano, che con la loro storia politica potranno essere giudicati dai cittadini.
Ma credo sia giusto evidenziare un fatto mettendo da parte le proprie legittime aspirazioni, perché oggi è il momento di portare come obiettivo principale la Città, la sua rinascita e soprattutto chiedersi come poterlo fare…
Abbiamo una grande possibilità e responsabilità, il PNRR (programma di ripresa e resilienza della nostra Bisceglie) è una occasione da non perdere, le risorse messe a disposizione dei comuni sono paro a 50 miliardi di euro e quindi se fossero gestiti con oculatezza con la giusta programmazione, idee e sviluppo futuri, rappresenterebbero una opportunità unica e irripetibile per tale rilancio.
E allora azzeriamo tutto e parliamo del futuro, le forze politiche degli ultimi 20 anni hanno in maniera diretta o indiretta guidato la crescita e lo sviluppo di Bisceglie e quindi hanno il dovere di incontrarsi, fare quadrato discutere su ciò che non è stato fatto e ciò che si può fare, senza dire è stato merito mio o colpa tua.
Servirebbe piuttosto aprire un tavolo di confronto fra la politica e la classe imprenditoriale, la società civile, le associazioni tutte presenti sul territorio.
Insomma una task Force in grado di recepire, discutere e realizzare perché solo in questo modo si potrà cambiare la storia della nostra Città.
Chi ancora una volta vuole dividere, chi antepone il proprio io rispetto alla comunità, commetterebbe per l’ennesima volta un errore storico.
Le giuste aspettative, le proprie ambizioni sono fatte salve, ma ora è il tempo di agire e vedere con i fatti chi vuol bene alla città e chi no.
Noi siamo pronti come sempre per far prevalere il senso della comunità attraverso e con i percorsi sopra descritti, senza fughe in avanti senza anteporre le proprie ambizioni o preclusioni, ma pronti ad accettare e condividere le sfide che ci aspettano con chi percorrera’ e rispetterà tali principi di unità.
Sono e siamo certi che Bisceglie abbia nel suo seno soggetti politici tali da riuscire a superare tutti gli ostacoli necessari…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Strisce blu, Fata a Naglieri: «Dica la sua sulle nostre proposte»

«Riconosco all’assessore Gianni Naglieri il dono dell’onestà intellettuale e perciò sono portato a credere che non abbia letto approfonditamente l’intervento al quale si è riferito producendosi in una “risposta” che in realtà tale non è. Mi concederà perciò di restare sul nocciolo delle questioni che ho sollevato». Lo ha affermato il consigliere comunale Vittorio Fata. […]

Assessore Naglieri: “Il consigliere Fata attacca l’unica amministrazione che ha ridotto le strisce blu”

“Il consigliere Fata attacca l’unica amministrazione comunale che ha ridotto le strisce blu invece di aumentarle? Forse dimentica che la sosta a pagamento fu istituita proprio dall’amministrazione di cui faceva parte e che nel 2016 gli stalli blu furono sensibilmente aumentati. La nostra amministrazione, invece, non solo non ha aumentato le strisce blu, ma per […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: