Foibe, presunti storici e veri smemorati

Non è ancora arrivato in terra di Puglia l’annunciato tour di Eric Gobetti, definito storico ed autore di un volume di revisionismo storico sulla tragedia delle foibe, e già desta polemiche.
Il tour di presentazione del libro, peraltro ormai vecchio di un anno, organizzato dall’ANPI, toccherà anche Bisceglie, in un incontro riservato alle quinte classi del Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci”, a cui presenzierà, per i saluti istituzionali, anche il sindaco Angelantonio Angarano.
Perplessità sono state espresse dai rappresentanti cittadini di Lega e Fratelli d’Italia, Domenico Preziosa e Tonia Spina, concordi nel ritenere Eric Gobetti una voce certamente non attendibile per narrare la tragedia degli italiani vittime delle violenze dei partigiani di Tito in Istria e Dalmazia all’indomani della fine del secondo conflitto mondiale.
«L’Italia è uno Stato democratico e chiunque ha il diritto di esprimere liberamente la propria opinione. A mio parere, tuttavia, si dovrebbe dare ospitalità nelle scuole e nelle sedi istituzionali solo a figure di indubbia autorevolezza ed equilibrio, soprattutto quando vengono chiamate a raccontare fatti così tragici. È inaccettabile che si confonda un comizio per una conferenza. Bisogna lasciar fuori la politica dalle scuole, i nostri ragazzi hanno diritto di conoscere la storia senza faziosità!», dichiara Tonia Spina, commissaria cittadina di Fratelli d’Italia.
«Non sono un mistero – prosegue Domenico Preziosa, segretario della Lega – le simpatie di Eric Gobetti per Tito ed i carnefici dei nostri compatrioti. Basta cercare su Google per vedere immortalato Eric Gobetti che posa accanto alla statua di Tito o con magliette e simboli inneggianti a Tito ed al comunismo. Dunque, rispetto la libertà di tutti di parlare e anche di dire sciocchezze, ma ho serie difficoltà a ritenere credibile quanto viene raccontato da uno storico con chiare simpatie per i carnefici e non per le vittime».
«Trovo assai grave – continua Tonia Spina – che si consenta ad un personaggio del genere, espressione di una certa parte politica ed ideologica, di minimizzare una delle più grandi tragedie vissute dal nostro popolo. La violenza va condannata in ogni caso, a prescindere dall’ideologia politica. Conoscere e comprendere la storia senza filtri e bandiere è l’unico modo di fornire alle nuove generazioni gli strumenti per costruire un futuro di pace».
«Apprendo dai giornali che sarà anche presente il sindaco Angarano per i saluti istituzionali. Mi auguro che il sindaco ci ripensi e diserti la manifestazione, perché la sua presenza sarebbe un modo per legittimare un personaggio che non merita alcun credito. Ma soprattutto sarebbe una clamorosa figuraccia. Il sindaco, evidentemente smemorato, lo scorso 10 febbraio ha celebrato in pompa magna la memoria del nostro concittadino Antonio Papagni, anch’egli vittima della ferocia dei partigiani jugoslavi, come testimoniato dalle foto sul suo profilo Facebook. Era proprio lui o ha mandato una controfigura?», ironizza Domenico Preziosa.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Scuola, Boccia: parole Valditara gravissime, no regionalizzazione della scuola e alzare tutti gli stipendi

“Sono gravissime le dichiarazioni del Ministro Valditara che, anziché affrontare problemi reali come la dispersione scolastica e il potenziamento della scuola, propone stipendi differenziati per i docenti, salvo poi, anche stavolta, rimangiarsi tutto dopo che la polemica è scoppiata. Le sue parole non mi stupiscono perché si legano naturalmente al tentativo di sempre del Presidente […]

Amministrative, altri cinque anni con Angarano: domenica la presentazione ufficiale della sua candidatura

Domenica 29 gennaio alle ore 11 al Politeama Italia, in via Montello 2, il Sindaco di Bisceglie Angelantonio Angarano presenterà la sua ricandidatura, che vedrà come primo step quello delle primarie di coalizione fissate il prossimo 12 marzo. La Cittadinanza è invitata a partecipare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: