Ucraina, incinta fugge dalla guerra. La bimba nasce a Bisceglie

E’ nata nel giorno di Pasqua nella terra che ha accolto sua madre e sua sorella in fuga dall’Ucraina martoriata dalla guerra e che ora da’ il benvenuto anche a lei. Si chiama Jlisa ed è venuta alla luce alle 4.25 in Puglia, a Bisceglie.

E’ una «splendida bimba – comunica il sindaco Angelantonio Angarano sui social – data alla luce da una donna ucraina che, giunta nella nostra città all’ottavo mese di gravidanza, abbiamo accolto a Bisceglie ed è ospite, con sua madre e un’altra figlia di otto anni, di una famiglia di nostri concittadini. Una notizia che mi commuove e che sono felice di condividere con tutti voi”. “Il simbolo della luce – prosegue il primo cittadino – che vince sull’oscurità dei tempi che stiamo attraversando, del #bene che prevale sul male. Oggi non ci poteva essere messaggio migliore di pace, di vita e di speranza. Con gioia nel cuore, rinnovo gli auguri di buona Pasqua. Omnia vincit Amor, l’amore vince su tutto”. A dare il benvenuto alla neonata ci sono tanti cittadini che commentano il post del sindaco: “Benvenuta, con la speranza che possa vivere in un mondo migliore”; “spero tu sia felice e che possa tornare la pace anche nella tua nazione».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

19enne biscegliese trovato in possesso di hashish e marijuana: arrestato in via Sant’Andrea, ora ai “domiciliari”

I Carabinieri della Tenenza di Bisceglie con il coordinamento della Procura della Repubblica di Trani hanno arrestato un 19enne del posto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, in località Sant’Andrea. Nell’ambito dei consueti servizi di controllo del territorio, i militari dell’Arma hanno sottoposto a controllo M.A., di origini biscegliesi, […]

Incendio struttura Covid Barletta: trasferito a Bisceglie uno dei quattro pazienti

Sono tornate operative le sale operatorie dell’ospedale “Dimiccoli” di Barletta ed è stata ripristinata tutta l’attività chirurgica, nove giorni dopo l’incendio che, il 12 settembre scorso, ha distrutto la piattaforma rianimatoria fatta realizzare dalla Protezione civile e inaugurata a gennaio 2021 per affrontare l’emergenza Covid, adiacente al blocco rianimatorio-operatorio del nosocomio. Sale operatorie e rianimazione […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: