Rifiuti, facciamo la conta dei danni del “porta a porta”

Torniamo a parlare di rifiuti. Cerchiamo di fare la conta dei danni che sta arrecando all’intera città il “porta a porta”.

Iniziamo col dire che questo modo di gestire la raccolta differenziata ed indifferenziata, ha sporcato al città invece che ripulirla.  Ha aumentato i costi invece che ridurli (temiamo la sostenibilità delle fasce deboli).

Ha, inoltre, portato la spazzatura dinanzi ad ogni numero civico invece che concentrarla. Ha riempito di spazzatura civili abitazioni, campagne e periferie.

Ha creato disagi ad anziani, infermi, operatori econologici, invece che aiutarli. Ha messo la spazzatura alla mercè di animali e vandali. Ha aumentato la diffusione della plastica, invece di contenerla (buste e mastelli). Ha aumentato l’inquinamento, dovendo fare uso più frequente di detergenti e disinfettanti).

Ha comportato assurde spese extra, per l’acquisto di mastelli, camioncini e per essere dovuti ricorrere a nuove assunzioni di addetti ai lavori.

In sintesi, ha creato gravi danni al decoro cittadino e alle casse comunali e ha gettato le basi per la proliferazione di malattie e danni irreparabili. Tornare indietro è possibile, ripartire con bidoni condominiali o di quartiere è l’unica soluzione. Prima che sia troppo tardi.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Sicurezza e legalità, Unionecommercio: Nitti suona la sveglia nella Bat

L’intervento del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Trani, dott. Renato Nitti, sembra aver scosso un territorio notoriamente ultimo in Italia nelle cose belle e buone e primo in quelle brutte e cattive. Come al solito non le manda a dire il Presidente Unibat, Savino Montaruli, che aggiunge.: “il Procuratore suona la sveglia in […]

Permeabilità alle mafie. Per Eurispes-DNA, BAT peggio della provincia di Matteo Messina Denaro

Come rispondono i nostri sindaci, il prefetto, i parlamentari del territorio all’appello del Procuratore Nitti? L’appello del Procuratore della Repubblica di Trani, Renato Nitti, rompe il velo di omertà e d’ipocrisia delle istituzioni locali sul fenomeno della penetrazione delle mafie nella nostra provincia. Non serve andare di fioretto, quando si analizzano certi fenomeni. Bisogna mettere […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: