Turisti a Bisceglie, ma la città è “chiusa”

Quanto denunciato da Elisabetta è accaduto il 5 luglio sciorso.

I fatti: due ragazzi, originari della Repubblica Ceca,  decidono di trascorrere le loro vacanze a Bisceglie per alcuni giorni. 


«Stamane  -inizia il suio racconto Elisabetta-, avendo un po’ di tempo a disposizione propongo loro di accompagnarli in un tour della città. Precedentemente, come faccio di solito, ho parlato loro dei musei, delle chiese e di tutto quello che abbiamo in questa fantastica città».

L’entusiasmo dei giovani stranieri si mostra alle stelle. Sono pronti a far man forte dei tesori culturali della nostra Bisceglie. Chissà che di ritorno nel loro Paese non parlino bene della nostra città e che il prossimo anno, vi siano ulteriori arrivi turistici dal loro luogo di provenienza.

Elisabetta prosegue con il suo racconto: «Oggi 5 LUGLIO, abbiamo iniziato il nostro giro. Ma…
Museo marittimo chiuso
Museo archeologico chiuso
Palazzo Tupputi chiuso
Palazzo Mazzalorsa chiuso
Castello chiuso (apre solo nel pomeriggio)
Museo del Gal chiuso
IAT chiuso…
Per fortuna in Cattedrale c’era un matrimonio e il Dolmen non si può chiudere», concluide ironicamente la nostra Cicerone locale. Che conclude il suo triste racconto con un appello al Sindaco:«Le chiedo aiuto a nome di tutte le persone interessate a questo aspetto importantissimo ma sottovalutato, per alcuni persino inesistente!¨.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Maratona delle Cattedrali, danni e disagi alla circolazione. “Prima bloccati in macchina per oltre un’ora, poi 1 km a piedi con il pancione!”

Bisceglie – Nella mattinata di domenica 8 maggio, si è svolta la sesta edizione della “Maratona della Cattedrali” con i suoi canonici 42.195 Km, toccando Barletta, Bisceglie, Trani, Molfetta e Giovinazzo. Le avverse condizioni climatiche non hanno frenato gli otre mille atleti e podisti che hanno partecipato alla manifestazione, trecento dei quali giunti per l’occasione […]

Appalti ristrutturazione stazione Bisceglie, il clan dei Casalesi sarebbe implicato nei lavori. Rete Ferroviaria Italiana “parte lesa”

Sarebbe Leonardo Loiacono il funzionario di rete Ferrovia Italiana e direttore dei lavori della TEC Srl arrestato dai Carabinieri di Napoli il presunto collettore tra il famigerato clan camorristico dei “casalesi” e gli appalti per le ristrutturazioni e ampliamento delle stazioni ferroviarie di Molfetta, Trani, Bisceglie, Santo Spirito, bari Nord, Barletta e Taranto. Loiacono è […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: