FABULANOVA IN VERSUS ALBERI

21 Luglio 2017 0 Di ladiretta1993
Le poesie raccontate sotto un vecchio albero di pistacchio,
 con il sottofondo musicale e la romantica luce delle candele.
E’ la serata svoltasi ieri sera a bisceglie presso il Giardino Botanico Veneziani.

” SOGNANDOASUD ” e’ stato intitolato l’ evento per il reading di poesia ” FABULANOVA IN VERSUS ALBERI “, organizzato dall’ associazione culturale Fabulanova, cui presidente e’ Vincenzo De Pinto.
Vi hanno partecipato i poeti provenienti da tutta la regione, i quali hanno declamato le loro poesie,
condividendo con il pubblico presente i propri pensieri e stati d’ animo, non sempre facili da esprimere.
Tra questi: Antonia Barba, Dino Cosmai, Katiuscia Nazzarini, Zaccaria Gallo, Liliana Salerno, Pietro Casella, Antonella Puddu, Luana Lamparelli, Silvana Kuhtz, Alberto Santoro, Giuliano Carlo Logos De Santis, Pantaleo Annese, Francesco Tammacco, Mattia Galantino e Teresa Barbieri.
La serata e’ stata organizzata in collaborazione dell’ associazione di promozione sociale MOSQUITO la quale sotto la guida della presidente Marzia Papagnia, si occupa dell’ attivita’ di recupero del Giardino Botanico,  donato al comune di Bisceglie anni fa dal Colonnello Veneziani.
Il tema del reading, nasce da una particolare sensibilita’ nei riguardi dell’ albero, simbolo dell’associazione Fabulanovache da decenni si propone di promuovere e diffondere le espressioni delle arti coreutiche, musicali, teatrali, letterarie e visive con un particolare sguardo alle tradizioni popolari nel territorio pugliese.
Ad allietare la serata l’ accompagnamento dei musicisti  Nicola e Caterina Nesta, Shannon Anderson,
Teresa Barbieri, Menico Copertino e Pantaleo Annese. La direzione artistica e’ stata curata da Antonella Puddu, in collabrazione con Liliana Salerno e Pietro Casella..
Ad aprire la serata e’ stato il bravissimo Francesco Tammacco, il quale con un monologo sugli usi e costumi dei pugliesi, si e’ alternato da una perfetta dizione italiana, al dialetto molfettese facendo ridere i presenti.
Non sono pero’ mancate le polemiche, come i disagi causati per la mancanza di bagni pubblici e lo scarso numero delle sedie. Problema, quasi risolto dagli organizzatori con delle stuoie sul terreno per il pubblico presente.
Tra i poeti e’ emerso Giuliano Carlo Logos De Santis, il quale ha recitato con enfasi la propria poesia a memoria. Il ragazzo ha ironicamente dichiarato  «Spero di essere all’ altezza di tutti i nomi che porto»- Esame superato in modo brillante.  Pietro Casella invece, leggendo i suoi versi, ha colpito per il suo timbro di voce che ricordava quello dell’ attore italiano Alberto Lupo.
Nel Giardino e’ stata inoltre esposta una mostra di disegni onirici a cura di Mariateresa De Palma con alcuni scatti  di Lilly Salerno. Erano presenti anche le “Vecchie Segherie – Mondatori Bookstore di Bisceglie.  E’ stato davvero un peccato, che i poeti a causa del tempo ridotto, abbiano potuto leggere solo una poesia o due.
Liliana Salerno, Antonia Barba, Dino Cosmai e il dottor Zaccaria  Gallo, cosi’ come tanti altri, da anni scrivono  bellissime poesie. Speriamo solo di poterli ascoltare al piu’ presto in un altra splendida serata come questa.
Il finale a sorpresa lo ha regalato Nicola Lorusso che accompagnato dai musicisti, ha allietato i presenti
con una canzone di Domenico Modugno ” Amara Terra Mia ” affermando che fosse adatta per concludere la serata dedicata agli alberi e alla natura.
ANTONELLA SALERNO