Pd, Rigante si dimette dalla segreteria. Solo colpa di Boccia?

28 Settembre 2017 0 Di ladiretta1993

La premessa è che, ancora una volta, le comunicazioni dell’esponente politico del Pd Rigante, ci sono giunte attraverso la lettura dei suoi comunicati stampa inviati ad altri organi di informazione. “La Diretta” è stata snobbata sin dalla sua “rinascita”. Quasi non esistesse, o non fosse mai esistita, o non contasse nulla nel panorama giornalistico cittadino. Quasi ad ignorare che la testata ha (con molta probabilità) più anni di quanti ne abbia anagraficamente la Rigante.

Per noi è un “passaggio”, probabilmente l’ultimo, che dobbiamo rendere noto perchè altre notizie (a partire dalle dimissioni conseguenziali a questa decisione dei vicesegretari) abbiano un senso logico per chi “sfoglia” queste pagine.

Di seguito riportiamo la nota di dimissioni della Rigante, non prima di porre, ad alta voce, due interrogativi: come mai le dimissioni non sono avvenute prima che iniziasse il tesseramento al partito, dando un senso più logico all’azione? Perchè si contestano oggi dichiarazioni di Boccia che, invece, ribadiscono e rafforzano quanto dal parlamentare dichiarato già due mesi fa (il 15 luglio scorso)?

 

«Il tesseramento 2016 con l’iscrizione al Partito democratico dell’ex Sindaco Francesco Spina e del suo gruppo, iscrizione alla quale gli organismi di garanzia di partito non si sono opposti sebbene quel gruppo avesse una chiara matrice di centro-destra e sebbene aprisse a Bisceglie la condizione, più unica che rara sul territorio nazionale, di ritrovare uno stesso partito seduto sia sui banchi della maggioranza per effetto di strategie e liturgie di partito, che dell’opposizione consiliare come da mandato elettorale, le ripetute dichiarazioni del segretario provinciale e regionale Marco Lacarra ed, infine, l’odierno appello all’unità dell’On.le Francesco Boccia, onorevole del territorio e riferimento politico della segreteria dalla sottoscritta rappresentata, sono tutti fatti che sanciscono un nuovo corso del Pd biscegliese.

Si tratterà, forse, di un corso proficuo che riuscirà, forse, a portare a segno sia il risultato delle politiche 2018 che quello delle prossime amministrative; si tratterà di un corso che, forse, porterà il Pd biscegliese a percentuali di consenso mai toccate; si tratterà, forse, di un nuovo corso e non di un classico “corso e ricorso storico”; tuttavia….tuttavia, è una nuova strada che contraddice il lavoro svolto dalla segreteria uscente e che con quel lavoro, di opposizione seria, puntuale e rigorosa e di resistenza alle alchimie politiche, non può trovare elementi di condivisione.

Per questo motivo, con la serenità di aver sempre agito nel rispetto delle regole statutarie e dei principi sanciti dal Codice Etico del Partito Democratico e soprattutto con la convinzione di aver interpretato quell’esigenza di coerenza e rigore che sempre più forte proviene dall’elettorato (basti pensare a quanta sfiducia ormai l’elettorato dimostri nei confronti dei partiti con l’astensionismo o allorquando si rifugia nei populismi dilaganti), rassegno le dimissioni dall’incarico politico di Segretaria cittadina del Partito Democratico.

Una decisione che non è una resa, resto convinta che questa “fusione a freddo” sia indigeribile all’elettorato oltre che moralmente ed eticamente non sostenibile, resto convinta che l’Amministrazione cittadina sia colpevole di una mala gestio di cui il Partito democratico non dovrebbe accollarsi gli oneri, se non altro per non aver mai partecipato all’azione amministrativa ed essendo sempre stata, invece, all’opposizione di essa e non essendo sufficiente il tempo residuo a consentire di determinare un cambio di rotta decisivo e chiaro della gestione amministrativa, non indietreggio su queste posizioni e, proprio per questo, le dimissioni oggi mi sembrano un atto dovuto, sia pur sofferto.

Non di soli numeri e non di sola conta del consenso è fatta la Politica. Rivendico, a nome di quel straordinario gruppo di lavoro che è stato la mia segreteria, 4 anni di impegno, passione, dedizione finalizzati a diffondere e argomentare quel grande progetto che è il Partito Democratico, un partito sì plurale ed inclusivo ma di chiara collocazione nell’alveo dei principi e della storia del centro-sinistra. Ringrazio tutti i compagni di questa enorme esperienza, anche quelli che lo sono stati solo per dei periodi, e tutti i coloro che disinteressatamente, con generosità, sottraendo tempo alle proprie famiglie e al proprio lavoro, si sono dedicati ad un’idea. Un’idea alla quale sono certa che nessuno di noi avrà voglia di rinunciare».