Violenza ragazza, Angarano (BisceglieSvolta): «Indignato come cittadino, sconvolto come genitore»

29 Novembre 2017 0 Di ladiretta1993

Come genitore, sono sconvolto per questa notizia di violenza improvvisa ed inaudita. Come cittadino, sono indignato ed arrabbiato per questo atto vile. Condanno con forza questo gravissimo atto di violenza ed esprimo solidarietà e vicinanza alla vittima e alla sua famiglia.

Questa notizia ferisce profondamente la nostra comunità, già allarmata ed impaurita dagli innumerevoli fatti di cronaca: l’Amministrazione prenda atto che è arrivato il momento di fare qualcosa per prevenire il crimine, attraverso un potenziamento del controllo del territorio – polizia municipale e videosorveglianza in primis – e una adeguata attività di sensibilizzazione sociale e culturale.

Ringrazio le forze dell’Ordine per la loro attività di repressione e contrasto alla criminalità. Non strumentalizzerò, e mai lo farò, il sentimento di insicurezza della collettività ma continuerò incessantemente a testimoniarlo ed esprimerlo nelle sedi istituzionali e non, come dovere di uomo, di cittadino e di amministratore.

Chiedo all’Amministrazione di convocare il” tavolo” provinciale con il Prefetto, un Consiglio comunale monotematico e l’opportunità di costituirsi parte civile allorché comincerà il processo. Ma soprattutto chiedo misure concrete e non proclami. Qualunque atto di violenza è un atto da condannare in sé, ma questo è davvero odioso; per questo auspico che il sentimento di solidarietà diffusa dell’intera cittadinanza possa, da un lato, essere elemento di contrasto all’aggressività e, dall’altro, testimonianza di riscatto collettivo.