Radici di alberi di pino possono essere un pericolo, il caso in zona litoranea

Sono numerosi i casi in città di alberi ornamentali con radici che fuoriescono dal manto stradale provocando dossi e avallamenti che rendono il traffico veicolare a rischio di incidenti e danneggiamenti.

La specie arborea che maggiormente provoca questi rischi è il pino mediterraneo di cui sono pieni non solo i marciapidi o i margini delle strade cittadine, ma anche le ville di privati cittadini.

Una ricognizione del Servizio Manutenzioni dell’Ufficio Tecnico del Comune ha riscontrato in particolare “numerosi dissesti e sconnessioni causate dalla presenza delle radici degli alberi di pino” piantumati a ridoso del congine di una villa in via Tommaso Todisco, zona litoranea di ponente.

Sulla base di questa relazione, il Sindaco ha emanato un’ordinanza che impone alla proprietaria della villa di eliminare il “pericolo alla pubblica e privata incolumità determinato dal dissesto del manto stradale e del marciapiede interessato da sconnessioni e rigonfiamenti causato dalle radici degli alberi di pino piantumati a ridosso del muro di confine“.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Scuola: Puglia verso proroga ordinanza su opzione Dad

La Regione Puglia si starebbe orientando verso la proroga dell’ordinanza, in scadenza giovedì 3 dicembre, che permette di scegliere per i propri figli tra didattica in classe o a distanza. E’ quanto emerso durante l’incontro che si è svolto oggi tra sindacati, Ufficio scolastico regionale, e Regione Puglia rappresentata dal presidente Michele Emiliano e dagli […]

Mons. Ricchiuti: «Stop ai velivoli F-35 e alle armi nucleari». L’appello di Pax Christi: «Siamo nell’Avvento, l’alba di giorni e di tempi giusti e pacifici»

«Con questo lockdown, tutto deve fermarsi, niente relazioni o assembramenti, scuole più o meno chiuse, commercio in ginocchio… ma le guerre no, quelle no, non si fermano e le tregue tra Paesi in guerra sono fragilissime. Non si fermano esercitazioni militari e produzione di armi, si chiudono i porti ai migranti ma li si aprono […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: