Sindaco e assessore Rigante danno “accoglienza” ai venditori ambulanti della Festa Patronale

Il Sindaco Angarano ha preso a cuore gli ambulanti, quasi tutti stranieri, che -come ogni anno- hanno affollato con le loro bancarelle piena di merce gli spazi presenti al Palazzuolo e alla Villa Comunale.

«Quest’anno -scrive il Primo Cittadino – abbiamo messo a disposizione dei venditori ambulanti impegnati nella festa patronale uno spazio in cui dormire e cucinare, con bagni e docce. La struttura è stata allestita nella struttura dei Cappuccini, vicina a piazza Vittorio Emanuele, grazie alla preziosa collaborazione della Caritas. Credo sia un modo per dare una dignitosa accoglienza ai venditori e per preservare il decoro nelle aree della festa. Era un impegno che avevamo preso e che abbiamo mantenuto, nonostante il poco tempo avuto a disposizione per l’organizzazione».

Nel profilo Facebook di Angarano, tra i tanti che hanno applaudito all’iniziativa, ve ne sono stati altri che hanno chiesto lumi e sono entrati nel merito dell’azione intrapresa dagli amministratori locali. Come il signor A.R. che chiede «se sono stati accertati che questa gente sia tutta titolare di partita iva e regolare iscrizione al registro imprese della camera di commercio». Precisando anche che «il Sindaco deve offrire servizi per i commercianti in regola con le autorizzazioni ed il pagamemento del suolo pubblico. E che se questi commercianti non hanno le autorizziazioni amministrative al commercio itinerante si è allestito un centro di accoglienza per venditori abusivi di merce di dubbia provenienza».

Maurizio Rana

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Estate Biscegliese, le precisazioni dell’ass. Bianco: «Abbiamo preferito sostenere le realtà locali»

“Noi ci rendiamo conto che i metodi siano ben diversi rispetto al passato ma non è una buona ragione per polemizzare e mistificare la realtà. Prima si spendevano decine di migliaia di euro per singoli eventi che non sempre portavano valore aggiunto alla Città. Ora si usa un metodo trasparente e concertativo che, al netto […]

Green Pass, Lopalco: Si sta abusando della parola “libertà”

“Da quando il Governo ha sacrosantamente sancito l’uso del cosiddetto green pass per evitare chiusure generalizzate a fronte della ripresa della circolazione virale, la parola più bella che conosciamo, la parola libertà, è stata più che mai vittima di abuso”. Lo dice l’assessore pugliese alla Sanità, Pier Luigi Lopalco commentando l’introduzione del Green pass in […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: