Puglia, arrivano 3 milioni di euro per la manutenzione dei canali

Arriva un avviso pubblico per la manutenzione ordinaria e straordinaria dei canali demaniali, con il ripristino dei cigli spondali, degli argini, la rimozione dei solidi e dei detriti presenti negli alvei e con la loro sistemazione.

La dotazione dell’avviso è di tre milioni di euro, che sono destinati alle amministrazioni pubbliche come i Comuni e i Consorzi di bonifica. Le somme sono state stanziate con il Bilancio 2018. Lo comunica l’assessore ai Lavori pubblici, Giovanni Giannini.

Saranno  ammessi a partecipare alla manifestazione di interesse le Amministrazioni Comunali, nell’ambito delle competenze per la piccola manutenzione nel settore della difesa del suolo e pulitura dei tratti degli alvei dei fiumi, dei torrenti e dei corsi d’acqua e i  Consorzi di Bonifica. Non sono ammesse opere di regimentazione, contenimento o modifica del regime idraulico delle portate.

La selezione degli interventi da finanziare, pur oggettivamente difficile, sarà effettuata da una Commissione appositamente nominata sulla base dei criteri oggettivi enunciati nell’Avviso.

E’ stabilito il limite massimo per ogni singolo intervento ammissibile a finanziamento di 200.000 euro e sono dettagliate nell’Avviso le modalità di finanziamento.

“La definizione preventiva delle modalità di assegnazione dei contributi è finalizzata – spiega Giannini – a garantire al massimo la trasparenza e l’equità dell’operato della Regione in un settore in cui le disponibilità economiche di bilancio sono, purtroppo, assolutamente insufficienti rispetto ai presumibili fabbisogni.

Inoltre, con le modalità adottate, si auspica di garantire la tempestiva e ottimale realizzazione dei lavori di manutenzione che si rendono necessari sul demanio idrico superficiale, nell’intento di scongiurare il verificarsi di danni alluvionali da esondazione degli stessi.

Giova, tuttavia, ricordare che il ruolo della Regione nella specifica problematica è di assoluta sussidiarietà, restando in capo alle Amministrazioni competenti, già ricordate, la funzione primaria ascritta loro dalle leggi vigenti.

L’auspicio è, ovviamente, di poter disporre in futuro di risorse più cospicue, ma, nel frattempo, la Regione adotta buone pratiche per l’utilizzo delle risorse disponibili”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Orto Schinosa, associazione oratoriani all’Amministrazione: destinato a coltivare ortaggi? C’era un altro progetto…

Qualche tempo fa era corsa voce  che per  l’Orto Schinosa esistesse un progetto che lo destinava a luogo dove coltivare ortaggi. Se la voce rispondesse al vero, sarebbe proprio il caso di dire che  la montagna ha partorito il topolino o, nella fattispecie, qualche chilogrammo di ortaggi. Dunque,  un luogo storico di Bisceglie che rappresenta […]

Soldani (Ordine Commercialisti): «Proroga scadenze fiscali al 10 dicembre inutile e dannosa»

I commercialisti italiani non ci stanno. E tengono altissima l’attenzione su un problema attuale che rischia di trascinarsi per anni trasformandosi in lunghissimi contenziosi con l’amministrazione centrale. Invece, basterebbe un pizzico di lungimiranza e di visione strategica per venire incontro alle esigenze di una categoria professionale che da sempre è cerniera di congiunzione tra cittadini, […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: