Immigrazione, “Rete dei Diritti” di Bisceglie contesta il Decreto Salvini

La Rete dei Diritti – Bisceglie sente la necessità di ripartire occupandosi del Decreto Salvini. Abbiamo a cuore la tutela dei diritti di TUTTI, cittadini italiani e non, consapevoli che in passato la negazione dei diritti umani e delle libertà fondamentali ha comportato inevitabilmente la persecuzione delle minoranze e delle categorie più deboli e indifese. Sempre. Lo insegna la storia. E la storia dimostra che queste forme di ingiustizia, presto o tardi, colpiscono anche chi pensava di essere al sicuro.

Cosa prevede realmente il Decreto Salvini riguardo all’immigrazione? Ci soffermiamo solo su tre aspetti:

  1. Cancella una forma di protezione che viene concessa per motivi umanitari a persone alle quali, nei loro paesi di origine, non è consentito l’esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana e dei diritti internazionalmente riconosciuti, pur non essendo fuggite da guerre e persecuzioni.
  2. Prevede l’accoglienza dei migranti, in attesa di raccontare la propria storia in Commissione, dentro strutture di prima accoglienza a basso costo, estendendo i tempi di trattenimento nei CPR (Centri di Permanenza per il Rimpatrio) e negli Hotspot.
  3. Riduce il sistema di seconda accoglienza SPRAR gestito dai Comuni, che ospita le persone in piccole strutture, spesso appartamenti, attivo da più di 15 anni senza mai fare notizia in senso negativo. I beneficiari seguono un preciso programma di attività che li porta in breve tempo verso l’autonomia e li aiuta a diventare veri cittadini integrati e autosufficienti; infatti alcuni dei  problemi legati all’immigrazione negli ultimi anni sono  stati determinati dalla scelta di non potenziare velocemente lo Sprar, imponendo alle realtà locali la diffusione selvaggia dei centri emergenziali, spesso mal gestiti.

Il Decreto crea, quindi, le condizioni per riversare sui nostri territori migliaia di migranti irregolari (60 mila persone in due anni secondo una stima di Ispi), molti più di quanti qualsiasi Governo potrà mai rimpatriare. Resteranno qui. Più vulnerabili, più disperati, più ricattabili, più invisibili. Le mafie faranno business. Aumenteranno lavoro nero, sfruttamento sessuale e lavorativo, accattonaggio e microcriminalità. Aumenterà il carico di lavoro dei servizi sociali dei nostri Comuni.

Gli effetti appena descritti dovrebbero essere da soli sufficienti a convincere l’opinione pubblica della necessità di contrastare questa deriva, anche coloro che oggi sembrano poco interessati alla difesa dei valori fondanti della nostra Costituzione o che hanno dimenticato quanto sangue hanno versato i nostri padri per affermarli.

Questo grido di allarme nasce da una rete composta da cittadini, movimenti, organizzazioni di volontariato, associazioni, cooperative e onlus. La nostra è una battaglia di civiltà. Parte dalla difesa del  diritto a migrare e del diritto all’Asilo, con il proposito di mantenere alta la guardia sulle attuali minacce al diritto al lavoro, alla casa, alla salute, ai diritti civili, alla tutela delle differenze di genere e ai diritti delle minoranze e dei più fragili.

Per molti potrebbe essere facile contrapporre alle nostre posizioni i soliti giudizi intrisi di disprezzo. Le accuse di  buonismo, di essere politicamente schierati o mossi da interessi economici, ci lasciano  indifferenti. Andiamo avanti per noi stessi, per i deboli, per gli onesti. Italiani e non.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.