M5S Bisceglie “Patti di collaborazione: sul Regolamento inutile forzatura della maggioranza”

I “Patti di collaborazione” per la prima volta, grazie al MoVimento 5 Stelle di Bisceglie entrano in Consiglio Comunale.

Gli attivisti del M5S di Bisceglie negli ultimi mesi hanno, infatti, predisposto una bozza di Regolamento per disciplinare la collaborazione fra Amministrazione comunale e cittadini per la cura, la gestione e la rigenerazione dei beni urbani comuni. Grazie ai Patti i cittadini o le organizzazioni della società civile possono proporre interventi come la cura di spazi pubblici esistenti, la gestione condivisa di un giardino, la riqualificazione di un’area urbana, il riuso di un edificio o servizi di solidarietà civile.

Il Portavoce M5S Enzo Amendolagine ha presentato una bozza di regolamento su questo tema durante l’ultima seduta della Prima commissione consiliare. La bozza è stata redatta a partire dal Prototipo per l’amministrazione condivisa dei beni comuni, elaborato dalla Onlus Labsus. Alla riunione della Commissione, su invito del Portavoce M5S Amendolagine, ha partecipato anche Pasquale Bonasora, consigliere nazionale di Labsus.

In linea con lo spirito costruttivo della sua opposizione, il MoVimento ha messo a disposizione dell’Amministrazione esperienze, proposte e strumenti e auspicava che si potesse iniziare un percorso di confronto e collaborazione per una rapida approvazione del Regolamento. E quale luogo più consono per questo confronto, se non la commissione che rappresenta il luogo istituzionale deputato all’istruttoria degli atti che poi arrivano in Consiglio?

Il dibattito, purtroppo, non c’è stato. La maggioranza ha presentato unilateralmente una propria bozza di Regolamento bocciando la bozza del consigliere Amendolagine. Fra l’altro, come risulta dai verbali di commissione, Pasquale Bonasora ha evidenziato alcune incongruenze della bozza di maggioranza rispetto al prototipo Labsus che non sono state sanate nel corso della seduta.

Il MoVimento vuole raggiungere comunque l’obiettivo di fornire alla città uno strumento normativo in grado di disciplinare i patti di collaborazione. E per questo si batterà in Consiglio per migliorare il Regolamento anche con proposte di emendamento.

A margine di questa vicenda, emerge però un dato preoccupante di metodo: l’Amministrazione comunale preferisce far di tutto per intestarsi il merito politico di una iniziativa, piuttosto che promuovere sinergia, sintesi e ampia condivisione su progetti sui cui è inutile dividersi.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Unione Commercio: la revoca dell’assessore Lorusso è l’errore politico di Angarano

Non si placano le riflessioni  del mondo politico ed associazionistico dopo la revoca della delega assessorile all’avvocato Maria Lorusso da parte del Sindaco della città di Bisceglie. Dall’Ufficio di Presidenza di Unibat esprimono rammarico per la decisione di Angarano affermando: “Il Sindaco di Bisceglie ha perso l’occasione per dimostrare che una politica diversa è ancora […]

Nuovi ospedali, Amati: “Un combattimento. Andria e Nord barese attendono finanziamenti promessi per partire”

“Sui nuovi ospedali è sempre un combattimento. Quelli di Andria e del Nord barese non possono partire, l’uno per i lavori e l’altro per la progettazione, a causa della mancata erogazione dei finanziamenti già disponibili ma non ancora erogati. Quello di Maglie-Melpignano, invece, ha un ritardo nella consegna della progettazione di almeno un mese rispetto […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: