Aumento Tari, Spina conferma aumento: «Sono altri che mentono, ecco le carte!»

«Carta canta: un ventriloquo dell’amministrazione di Angarano & Co., per non smentire la ormai diffusa fama di dire bugie ad ogni piè sospinto, ha smentito una verità indiscutibile: l’aumento TARI del 2019.

La foto riproduce la parte del bilancio impugnata con il mio ricorso al tribunale amministrativo con cui Angarano prevede il pagamento di euro 623.634,53 di debiti extra contratto in materia di rifiuti e il correlato aumento della TARI nel 2019 per la stessa somma di euro 623.634,53.

La TARI aumenta quindi. E cominciano gli attacchi personali contro chi si pone dalla parte dei cittadini. Ricordo a Angarano, ventriloqui ecc. che non è da oggi che il sottoscritto sceglie di stare dalla parte dei cittadini mettendoci la faccia. Invece di attaccare le persone che denunciano la mancanza di rispetto di regole e norme poste a difesa della comunità, pensino a governare e a risolvere i problemi della gente.

Con un milione e mezzo di euro di stipendi che si sono autoliquidati, sono lautamente compensati per tutti i loro anni di amministrazione! E soprattutto restituiscano ai cittadini i soldi delle Green Card che sono maturati sinora!

Lo scrive Francesco Spina su Facebook.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Unione Commercio: la revoca dell’assessore Lorusso è l’errore politico di Angarano

Non si placano le riflessioni  del mondo politico ed associazionistico dopo la revoca della delega assessorile all’avvocato Maria Lorusso da parte del Sindaco della città di Bisceglie. Dall’Ufficio di Presidenza di Unibat esprimono rammarico per la decisione di Angarano affermando: “Il Sindaco di Bisceglie ha perso l’occasione per dimostrare che una politica diversa è ancora […]

Nuovi ospedali, Amati: “Un combattimento. Andria e Nord barese attendono finanziamenti promessi per partire”

“Sui nuovi ospedali è sempre un combattimento. Quelli di Andria e del Nord barese non possono partire, l’uno per i lavori e l’altro per la progettazione, a causa della mancata erogazione dei finanziamenti già disponibili ma non ancora erogati. Quello di Maglie-Melpignano, invece, ha un ritardo nella consegna della progettazione di almeno un mese rispetto […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: