No agli inceneritori, ma ora più residui. Ma questo scenario fa paura a Legambiente

A proposito del piano rifiuti, in tema di inceneritori lo scontro politico è vivo e ancora aperto: non aumenteranno, ma il rischio, ora, è che ci saranno più residui. Sullo smaltimento però le associazioni ambientaliste.

Il percorso del piano rifiuti della Regione per arrivare all’approvazione del Consigliere Regionale della Puglia nel gennaio del prossimo anno, si fa più complicato. Emiliano ha rotto ogni dialogo con Sinistra Italiana e anche il Pd non guarda di buon occhio il progetto. Il piano prevede che il ciclo dei rifiuti si concluda con la bruciatura negli inceneritori. Il piano regionale non prevede la creazione di nuovi inceneritori. Col timore, però, che quelli esistenti sul territorio, ora, siano destinati ad essere utilizzati.

Legambiente lancia subito segnali di allarme in direzione della Regione: è contraria a qualsiasi ipotesi di incenerimento. E’ molto scettica sulla possibilità di un ciclo di smaltimento dei rifiuti si possa concludere bruciando i residui. E per questo promette battaglia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.