Bisceglie Vecchia Extramoenia, muretti a secco in via di estinzione

I muretti a secco italiani sono sono stati inseriti nella lista Unesco del Patrimonio Culturale Immateriale. Bisceglie Vecchia Extramoenia ne possiede un vasto numero, tuttavia la massiccia distruzione dei muretti a secco, sostituiti da opere in cemento, ha contribuito sensibilmente all’alterazione dell’articolato ma efficace meccanismo di drenaggio che l’uomo aveva messo in piedi nel corso di centinaia di anni.

“Le strutture in pietra a secco sono sempre realizzate in perfetta armonia con l’ambiente e la tecnica esemplifica un rapporto armonioso tra l’uomo e la natura. La pratica si tramanda principalmente attraverso l’applicazione pratica adattata alle condizioni particolari di ogni luogo”, conclude l’Unesco.

L’ obbiettivo è tutelare tale costruzione, è risaputo che i muretti a secco svolgono un ruolo fondamentale nella prevenzione di frane, inondazioni e valanghe, nella lotta all’erosione e alla desertificazione dei terreni, nella valorizzazione della biodiversità e nella creazione di condizioni microclimatiche adeguate per l’agricoltura

 

Annamaria Iannelli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.