Ospedale di Bisceglie e brutti episodi di cronaca. Eppure enti nazionali riconoscono la qualità

3 Gennaio 2019 1 Di ladiretta1993

L’ospedale di Bisceglie è scenario di brutti episodi di cronaca. Dopo il ritrovamento con annesso video di un topo nel reparto infettivi (su cui è intervenuta la direzione della ASL con una indagine interna che avrebbe stabilito che il topo fosse finto), si è registrata nella notte di capodanno l’aggressione ai danni del personale di turno nel Pronto Soccorso da parte di quattro giovani.

Eppure l’ospedale di Bisceglie proprio pochi mesi fa aveva ricevuto il riconoscimento del Programma Nazionale Esiti (PNE) promosso dall’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas).

Il focus si è rivolto al reparto cardiologia. In Puglia infatti sono stati ben sedici i reparti con una mortalità più bassa della media nazionale dell’8%, con le migliori performance ascrivibili proprio all’Ospedale di Bisceglie, agli Ospedali Riuniti di Foggia e all’ospedale di Gallipoli. Questo indicatore, secondo AGENAS, misura la qualità  dell’intero processo assistenziale del paziente con infarto, a partire dall’accesso ai servizi di emergenza, testimoniata anche dalla riduzione del 3% dell’insorgenza di complicanze maggiori cardiovascolari a un anno dalla malattia.

Annunci