Pescherecci coinvolti nella raccolta dei rifiuti in mare con “Fishing for litter”

Una pattuglia di pescherecci pugliesi, tra cui alcuni di Bisceglie, isseranno la bandiera che li identificherà per l’iniziativa “Fishing for litter”, il l progetto pilota della Regione Puglia che permette di recuperare e poi differenziare i rifiuti raccolti in mare durante la pesca a strascico.

“Fishing for litter” nasce dal protocollo d’intesa sottoscritto, a marzo scorso, da Regione Puglia, Corepla, il consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica, l’Ager, l’Agenzia territoriale della Regione Puglia per il servizio di gestione dei rifiuti, l’Autorità Portuale del Mare Adriatico Meridionale, l’Arpa Puglia, l’Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione ambientale. Gli enti coinvolti si sono impegnati ad incentivare, su tutto il territorio regionale, la raccolta differenziata degli imballaggi in plastica raccolti in mare e per monitorare la quantità e la tipologia dei rifiuti provenienti dalle imbarcazioni.

La prima sperimentazione di “Fishing for litter” è partita a novembre da Molfetta, dove, grazie anche alla collaborazione con l’ASM, l’azienda servizi municipalizzati Molfetta, dieci pescherecci hanno raccolto, in circa 6 mesi di attività, 2700 chili di rifiuti con il metodo della pesca a strascico. L’iniziativa è stata avviata anche a Barletta e sarà presto estesa a Manfredonia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Associazione Baywatch: per il 2022 tre corsi da bagnino a ragazzi di famiglie in difficoltà e maggiore impegno per le persone disabili

Archiviato il progetto Spiagge Sicure 2021, l’Associazione Baywatch ha già iniziato a lavorare per il 2022, con una attenzione al sociale sempre maggiore. “I nostri obiettivi sono gli stessi di sempre, solo ogni anno più grandi: garantire la sicurezza dei bagnanti in spiaggia, rendere Bisceglie ancora più bella e attrattiva, consentire a tutti i cittadini, […]

Covid, anche la Asl Bat sospende i dipendenti non vaccinati. A casa 21 lavoratori

L’Asl Barletta-Andria-Trani ha sospeso 21 dipendenti non vaccinati contro il Covid. Il provvedimento prevede la privazione della retribuzione e di qualunque altro compenso o emolumento, fino all’assolvimento dell’obbligo vaccinale o, in mancanza, fino al 31 dicembre. “È un atto dovuto che arriva a conclusione di un lavoro meticoloso fatto dalla commissione aziendale -dice Alessandro Delle […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: