Il Futbol Cinco Bisceglie centra la finale Playoff del Girone A

Il Futbol Cinco Bisceglie centra la finale Playoff del Girone A

25 Aprile 2019 0 Di ladiretta1993

Grinta, determinazione, sacrificio e spirito di gruppo: sono questi gli elementi che hanno permesso al Fùtbol Cinco Bisceglie di staccare il pass per la finale playoff del girone A.

 

Dopo due tempi regolamentari e altrettanti supplementari ai nerazzurri di mister Francesco Tritto è bastato un pareggio, il 2-2, per superare il duro ostacolo Cus Bari in virtù della miglior posizione in classifica conseguita al termine della regular season. Il match tra le due formazioni è stato gradevole, combattuto e tirato fino al triplice fischio finale.

 

Due volte in svantaggio tra primo e secondo tempo, l’affiatato gruppo biscegliese non si è mai disunito, soffrendo e rimanendo in partita anche nei momenti topici del match. Il gol qualificazione del definitivo 2-2 è arrivato ad un minuto dal termine della seconda frazione, quando Mauro Garofoli, servito da Angelo La Notte, ha insaccato la rete della qualificazione al turno successivo. Una rete simbolo dello spirito combattivo del gruppo, cresciuto ulteriormente in maniera esponenziale dal punto di vista caratteriale nel corso di questa stagione sportiva.

 

Per la semifinale, disputata nella serata di martedì 23 aprile, il Fùtbol Cinco dispone di tutti gli effettivi: quintetto iniziale con Di Bitonto in porta, Lamanuzzi, Simone Di Benedetto, D’Elia e La Notte. Ospiti con Di Bari, Castro, Mercadante, Carbone e Bardaro.

 

Pronti, via e il Bari sfiora il vantaggio con Bardaro, uno dei protagonisti del match, con Di Bitonto bravo a respingere la minaccia. Il Cus, ben messo in campo da mister Raffaele Colaianni, mette nuovamente i brividi alla porta di casa con il legno colpito da Carbone al 4°, sul quale risulta essere fondamentale il tocco dell’estremo Di Bitonto.

 

Il Cinco non riesce ad imporre al meglio il proprio gioco: il primo tentativo nerazzurro arriva al 6° sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Lamanuzzi verso un compagno, ma un giocatore barese salva sulla linea di porta. Al 7° pericoloso diagonale di Bardaro che attraversa tutta l’area di rigore e non trova il tap-in vincente di un giocatore del Bari.

 

I dieci minuti successivi sono avari di emozioni fino al 18°, quando il Cus Bari trova il momentaneo 0-1: Bardaro, ottimamente servito in area di rigore, calcia con freddezza alle spalle dell’incolpevole Di Bitonto.

 

Gara ulteriormente in salita dunque per il Cinco, alle prese con un Bari determinato più che mai a portare a casa la qualificazione. Al 19° il capitano barese Castro ci prova con un velenoso diagonale da fuori area, mentre un minuto dopo da sottolineare il decisivo intervento di Garofoli sul tiro a botta sicura avversario importante quanto un gol messo a segno.

 

Mister Tritto continua a ruotare i suoi: il neo entrato Gianluca Di Benedetto ci prova con un diagonale insidioso dal limite dell’area di rigore, ma trova il decisivo riflesso dell’estremo ospite, il quale si ripete al 23° sulla pericolosa incursione in area di Francesco Uva.

 

Il Cinco preme l’acceleratore e pareggia il conto dei pali con la conclusione di Antonio Papagni, scaturita da corner. Sullo scadere della prima frazione il Cinco commette la sesta infrazione: alla battuta del tiro libero ci va Carbone, ma Di Bitonto salva i suoi con un intervento provvidenziale che consente di andare al riposo con il risultato di 0-1.

 

Nel secondo tempo il Cinco riparte con lo stesso quintetto iniziale, mentre il Cus si affida a Di Bari, Mercadante, Gramegna, Carbone e Bardaro. Il Cinco cambia subito registro ad inizio secondo tempo, mostrando subito un atteggiamento diverso.

 

Gli effetti concreti di questa inversione di rotta si verifica al 36° quando i nerazzurri pervengono al pareggio con capitan Piero Lamanuzzi (1-1), la cui conclusione vincente sorprende Di Bari e fa esplodere di gioia il numeroso pubblico presente al centro sportivo Olimpiadi.

 

Le due squadre duellano in campo in attesa del guizzo vincente, ma non si registrano grandi occasioni fino al 43° quando Bardaro, servito da Gramegna da posizione defilata sulla banda destra, insacca il tap-in che vale l’1-2. Fùtbol Cinco che rischia di capitolare definitivamente due minuti dopo, ma Di Bitonto tiene a galla i suoi con un doppio intervento strepitoso ravvicinato.

 

I minuti passano, il Cinco sfiora il pari con il palo colpito da Garofoli: forte diagonale del numero 6 nerazzurro, l’estremo ospite salva in qualche modo e si salva con l’ausilio del palo. Il Cus Bari raggiunge quota cinque falli, ma quando la gara sembra ormai scorrere sui titoli di coda ma al 59° sempre Mauro Garofoli (ottimo assist di La Notte) sigla la rete del definitivo 2-2 con una bordata che supera la linea di porta dopo il tocco della traversa.

 

Nei due minuti di recupero le due formazioni non si sbilanciano, rimandando il discorso qualificazione ai supplementari. Nei due tempi da cinque minuti il Cinco vuole chiudere il match, il Bari si gioca anche la carta del quinto di movimento ma non accade più nulla: al triplice fischio finale è grande festa per i nerazzurri e per il pubblico presente.

 

Il Fùtbol Cinco scenderà in campo sabato 27 aprile (ore 16) per la finale del girone A: resta da conoscere il nome dell’avversaria, ovvero la vincente di Futysal Terlizzi-Alta Futsal, in programma mercoledì 24 aprile (ore 20:30).

 

In virtù del miglior posizionamento in campionato rispetto alle dirette concorrenti, il Cinco potrà nuovamente contare sull’appoggio del pubblico amico del centro sportivo Olimpiadi. Si tratta dell’ultimo step prima della finalissima regionale tra le vincenti playoff dei due gironi della Serie C2.

 

 

FUTBOL CINCO BISCEGLIE-CUS BARI 2-2

Fùtbol Cinco Bisceglie: Di Bitonto, Lamanuzzi, S. Di Benedetto, D’Elia, La Notte, Papagni, Garofoli, Formicola, Uva, Gentile, G. Di Benedetto, V. Di Pilato. Allenatore: Francesco Tritto.
Cus Bari:
Di Bari, Mercadante, Castro, Bardaro, Carbone, Sardella, Gramegna, Papa, Graziani. Allenatore: Raffaele Colaianni.

Arbitri: La Forgia di Molfetta, De Gennaro di Molfetta.

Reti: 18° Bardaro, 36° Lamanuzzi, 43° Bardaro, 59° Garofoli.

Note: ammoniti Garofoli, Lamanuzzi, Carbone; al 28° Di Bitonto respinge un tiro libero a Carbone.

Annunci