“Parlate bene di Bisceglie”, dal social una polemica politica. Per Spina sarebbe “un invito all’omertà”

Non sono stati fatti nomi, o date indicazioni specifiche da quanto scritto dal consigliere comunale Francesco Spina in un post sui social, pubblicato nella giornata di ieri, ma da una ricognizione fatta sul web e sugli stessi social crediamo che le dichiarazioni dell’ex Primo cittadino siano da riferirsi a un post dell’ex segretario dell’Italia dei Valori, Nicola Ambrosino e a un commento dell’ex sindaco Berardino Cozzoli.

Potrebbe riferirsi a questi  due post la nota del consigliere comunale Spina, alla quale, poi, in tarda serata, ha fatto seguito anche una nota politica (sembrata uin po’ tardiva) dell’attuale Sindaco Angelantonio Angarano:

 

Nicola Ambrosino: «Smettiamola di pubblicare notizie che denigrano la nostra Bisceglie. 
Ci sono dei meravigliosi ragazzi della Scuola Media “Riccardo Monterisi”, che stanno mietendo successi musicali in tutta Italia e non ne parla nessuno.
C’è un ricercatore biscegliese, che in America, ha firmato un importante protocollo sulla ricerca sul cancro e non lo riporta nessuna testata.
BASTA a parlare di rifiuti, droga, sesso e imbecillità varie.
Bisceglie merita di essere valorizzata per i suoi tesori di enogastronomia, architettura, cultura, teatro, danza, turismo, agricoltura, mare.
Abbiamo ricercatori, studiosi di storia, medici, poeti, danzatori, teatranti, chef, che fanno incetta di successi ovunque …valorizziamo i nostri talenti e la nostra BISCEGLIE CRESCERÀ.
RISCOPRIAMO E VALORIZZIAMO LA NOSTRA BELLEZZA».

 

Berardino Cozzoli in replica ad Ambrosino: «Condivido.Passiamo alle possibili soluzioni: ognuno in possesso di notizie ” dell ‘altra Bisceglie ” (come Nicola) si trasformi in Agenzia Giornalistica( ovviamente in piccolo) le faccia conoscere con pochissime righe sui social e vedrete che i ” media “di qualsiasi genere le raccoglieranno e svilupperanno con approfondimenti ed editoriali. ” L’ altra Bisceglie” ritorni ad essere quel laborioso popolo di formiche che ieri ha riscattato il Meridione e Bisceglie e di cui oggi si avverte la mancanza.Riprendiamo quel cammino virtuoso».

 

Francesco Spina, “Francesco Spina, pur non rivolgendosi espressamente a qualcuno, scrive:: «Oggi sui social registriamo, per la prima volta nella storia di Bisceglie, un appello ufficiale all’omertà rivolto ai giornalisti. Si chiede che si tappino la bocca: nessuno osi dire che a Bisceglie si fanno gli affidamenti diretti degli appalti milionari in materia di igiene urbana. Nessun giornalista si permetta di dire più che a Bisceglie si percepisce un senso di insicurezza e si spara in pieno centro. Nessun giornalista si permetta di dire che le tasse aumentano e i servizi peggiorano. Nessun giornalista si permetta di dire che Angarano ha fatto le promesse in nome di Dio e di Umberto Paternostro e non si è ridotto lo stipendio e non ha dato un posto di lavoro. Insomma nessuno disturbi il grande manovratore che vede materializzarsi grandi business e speculazioni a discapito di una città che sta morendo. Solidarietà alla stampa locale invitata minacciosamente a tapparsi la bocca, a non pubblicare ciò che sta avvenendo in città e a limitare la propria libertà di informazione, riconosciuta dalla Costituzione italiana».

 

Il comunicato del Sindaco Angelantonio Angarano: «La vicenda degli atti osceni in luogo pubblico che ha visto protagonisti due ragazzi per le vie del centro della nostra Città, pur avendo contorni poco chiari, desta perplessità e sgomento. Abbiamo piena fiducia nelle forze dell’ordine affinché si faccia piena luce sull’accaduto e si accertino eventuali responsabilità. A questo proposito le immagini della videosorveglianza comunale, da cui emergono particolari utili per le indagini, sono state messe a disposizione della Autorità inquirenti.
Quello che è accaduto però deve farci riflettere sulle distorsioni della nostra società e sulla deriva morale che spesso accompagna i tempi moderni. Fenomeni come questo non possono essere ascrivibili a bravate o ad episodi occasionali. Siamo di fronte a fenomeni sociali ben più ampi e diffusi, che spesso riguardano i nostri giovani, con migliaia di amicizie virtuali ma nella realtà forse più soli ed emarginati. Un degrado culturale, valoriale ed etico sta riguardando la nostra società. L’accaduto è un campanello d’allarme che deve far aumentare la nostra attenzione al mondo del sociale».

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Le strane gare d’appalto di Angarano, Spina: «Un appalto che si decide in 5 minuti…»

«La Svolta degli incapaci continua a danneggiare imprenditori e cittadini. Avete mai visto un avviso per una gara dove la domanda deve presentarsi entro 5 minuti? E ‘ avvenuto proprio da noi a Bisceglie, presso il Comune della Svolta. Parliamo di forniture di cartellonistica. Sono stati invitiati a partecipare più fornitori “veri” o tutto era […]

Covid. Ricchiuti (FdI): green pass è scelta divisiva

“C’è una fetta piuttosto importante di cittadini che per ora sarà tagliata fuori dal green pass per un motivo o per un altro. Non esistono soltanto i No-vax, per inciso quelli che sono contrari ad ogni tipo di vaccino, ma questo sembrano ignorarlo in troppi. È molto più semplice prendere una posizione manichea, vedere bianco […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: