Il riconoscimento Giovanni Paolo II emigrato a San Ferdinando, critiche da Napoletano

Il riconoscimento Giovanni Paolo II emigrato a San Ferdinando, critiche da Napoletano

23 Maggio 2019 0 Di ladiretta1993

Per la prima volta dopo sette anni, le iniziative per il Riconoscimento Giovanni Paolo II si sono svolte fuori Bisceglie, precisamente a San Ferdinando. Su questa circostanza, il consigliere comunale di opposizione Franco Napoletano ha puntato l’indice su “possibili errori ed abusi dell’Amministrazione comunale”. Di seguito il testo del comunicato di Napoletano.

Sabato 18 maggio u.s. sono intervenuto, dietro cortese invito, in quel di San Ferdinando di Puglia, alla manifestazione dell’VIII° Riconoscimento “Giovanni Paolo II°”.
Una bella occasione, tra l’altro, per salutare l’ospitale Sindaco Puttilli, il suo ottimo predecessore Gissi, il Vicario diocesano Pavone e tanti altri amici.

Anche questa VIII^ edizione, come tutte le altre, è stata caratterizzata dalla presenza di molti premiati, autorevoli esponenti del mondo religioso, dello spettacolo, del giornalismo e dei tutori dell’ordine.
Una iniziativa di grande livello, che rende merito agli organizzatori ed, in primo luogo, all’Associazione Giovanni Paolo II° di Bisceglie ed al suo Presidente, il tenace e dinamico Prof. Natalino Monopoli.
Merito che spetta anche al Comune che ha ospitato, favorito e sostenuto la manifestazione, oltre che ai numerosi sponsor privati.

Viene subito da rilevare come l’Amministrazione Comunale di Bisceglie non solo non abbia patrocinato l’evento, ma abbia anche rinunciato ad ospitare a Bisceglie una manifestazione di grande prestigio, che è nata a Bisceglie ed a Bisceglie si è sempre svolta interamente nelle precedenti sette edizioni.
UN GRAVE ERRORE ED UNA EVIDENTE MIOPIA DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE, CHE CONTINUA A PENALIZZARE UNA CITTA’ CHE BEN ALTRO RUOLO, NAZIONALE ED INTERNAZIONALE, HA SVOLTO IN PASSATO E CHE, OGGI, VIENE NUOVAMENTE RELEGATA NELL’OBLIO E NELL’ANONIMATO.

Che cosa è successo? E’ bene che i cittadini lo sappiano.
In relazione alla passata VII^ edizione 2018 del Riconoscimento, l’Amministrazione Angarano, nonostante una deliberazione della Giunta Municipale precedente ed una conseguente determinazione dirigenziale, che avevano stanziato un contributo comunale di 8.000,00 euro per l’evento (davvero irrisori, rispetto al risalto, al numero ed alla valenza dei premiati intervenuti), HA INCREDIBILMENTE ED INGIUSTIFICATAMENTE “TAGLIATO” IL CONTRIBUTO DA 8.000,00 A 6.000,00 EURO (diventato di 5.400,00 euro per incomprensibili ragioni fiscali).

SENZA ALCUN ATTO AMMINISTRATIVO E SENZA MOTIVAZIONE IN TAL SENSO, CHE CONSTI, NONOSTANTE LA PRESENTAZIONE DI 14.000,00 EURO DI FATTURAZIONI A RENDICONTAZIONE.
UN COMPORTAMENTO CHE SEMBREREBBE RASENTARE UN VERO E PROPRIO ABUSO!
Risulta, oltretutto, che, per far fronte alle spese organizzative di quell’edizione, sia stato fatto ricorso a prestiti finanziari personali.

Per l’VIII edizione del 2019, poi, il Comune, con il Sindaco in prima persona, ha tergiversato fino all’ultimo con le deliberazioni amministrative e negato, nel concreto, un immediato sostegno economico comunale, “costringendo” l’Associazione Giovanni Paolo II° a rivolgersi al Comune di San Ferdinando di Puglia (che va ringraziato) per organizzare l’evento.
Dopo l’esperienza dell’edizione del 2018, era il minimo che gli organizzatori avessero potuto fare!
Quindi, UN’ENNESIMA BRUTTA FIGURA PER L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE E PER L’INTERA CITTA’ DI BISCEGLIE.
IL SINDACO ANGARANO AVREBBE POTUTO FARE UNA FIGURA MIGLIORE E PIU’ DIGNITOSA SE NON SI FOSSE, COMUNQUE, RECATO, PERALTRO DA SOLO, ALL’EVENTO “IN TRASFERTA” A SAN FERDINANDO, DOVE SPIACE CHE ABBIA FINITO PER FARE LA COMPARSA.

È vero che la domenica del 19.5 u.s. la manifestazione ha avuto il suo epilogo significativo nel sito religioso della Concattedrale di Bisceglie, ma anche in quella sede il Sindaco è apparso quasi come una presenza avulsa dal contesto, invitato (o “tollerato”) più per dovere istituzionale che per piacere.

L’ERRORE NEL QUALE IL SINDACO ANGARANO CONTINUA A PERSEVERARE, AL DI LA’ DEI PROPRI ODIERNI LIMITI, PERALTRO DIFFUSAMENTE RICONOSCIUTI, E’ QUELLO DI OSTINARSI A SUBIRE I CONDIZIONAMENTI DI CATTIVI CONSIGLIERI, esponendo non solo se stesso e la compagine amministrativa, ma l’intera Città ad un’immagine per nulla positiva.

Rimane il fatto che la Città di Bisceglie abbia perduto, ancora una volta, una grande occasione per esercitare un ruolo di primo piano sul territorio.

Bisogna solo auspicare, per il bene della Città, che gli attuali amministratori, se tali continueranno ad essere, abbiano, almeno, l’intelligenza di comprendere i propri errori e di non ripeterli in futuro.
Altrimenti, SE IL DESTINO DOVRA’ ESSERE QUELLO DI UN INELUTTABILE DECLINO, E’ BENE PASSARE LA MANO E RIVOLGERSI NUOVAMENTE AL CORPO ELETTORALE

Annunci