Braccianti sfruttati, 8 patteggiamenti

Hanno patteggiato pene comprese tra i 2 anni di reclusione e i mille euro di multa le otto persone accusate, con ruoli diversi, di aver sfruttato per anni circa 2 mila braccianti agricoli, tutti italiani e prevalentemente donne, reclutati nei territori di Mola di Bari, Noicattaro, Conversano e Rutigliano e impiegati in diversi campi di uva e ciliegie della regione, fino ad Andria e Trinitapoli.
Stando alle indagini della Guardia di Finanza, coordinate dalla Procura di Bari, gli imputati fino ad un anno fa sottoponevano i braccianti a condizioni di sfruttamento approfittando del loro stato di bisogno, pagandoli circa 2 euro e 50 all’ora, facendoli lavorare fino a 14 ore consecutive sotto i teloni con temperature altissime e senza adeguate provviste di acqua, e costringendoli anche a restituire al caporale 2 euro per ogni giornata lavorativa. (ANSA).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Covid. In Puglia 132 nuovi positivi e un decesso

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi martedì 27 luglio 2021 in Puglia, sono stati registrati 11.186 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 132 casi positivi: 30 in provincia di BARI, 12 in provincia di […]

Ittica Zu Pietro: riprende la regolare produzione di tonno e pesce spada dopo il blocco deciso dal Ministero

«Siamo lieti di comunicare la ripresa delle attività di produzione di tonno e pesce spada decongelati, e più in generale di prodotti ittici lavorati, giusto provvedimento della Regione Puglia prot. di uscita n°AOO_082 /3349 del 28.06.2021». È l’incipit di Ittica Zu Pietro, realtà leader nel commercio e nella lavorazione di prodotti ittici, che intende chiarire […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: