Confcommercio: niente più monete da 1 o 2 centesimi per i pagamenti

La notizia è passata un po’ in sordina per l’opinione pubblica, ma non per gli addetti ai lavori, in particolare per i titolari di negozi nei cui scaffali non mancano prodotti con prezzi che comprendono anche i centesimi. Stiamo parlando della sospensione del conio delle monetine metalliche da 1 e 2 centesimi di euro, disposto a decorrere dal primo gennaio 2018.

Le monete da 1 o 2 centesimi non sono ormai più coniate in Italia. La legge impone ora l’arrotondamento dei pagamenti per eccesso o per difetto. A stabilire le modalità di arrotondamento è il decreto legge 50/2017.  Secondo quanto legiferato i pagamenti con 1 o 2 centesimi verranno arrotondati a 0 centesimi, quelli da 3 o 4 passeranno a 5 centesimi. Pagamenti da 6 o 7 centesimi verranno arrotondati per difetto a 5 centesimi. Infine, pagamenti con 8 o 9 centesimi diventeranno 10 centesimi.

“Viene così sancito il diritto per commercianti ed esercenti al dettaglio di arrotondare al momento di ricevere un pagamento in contanti – spiega Leo Carriera Direttore di Confcommercio Bari – Bat.  Nel caso però il consumatore, al momento di pagare l’importo dello scontrino, non abbia nel portafogli monete da 1 o 2 centesimi, o il negoziante non ne abbia per dare il resto, scatta l’arrotondamento. La norma in questo caso prevede che “l’importo è arrotondato, a tutti gli effetti, per eccesso o per difetto, al multiplo dei cinque centesimi più vicino”. In sostanza, si effettua un arrotondamento per difetto se l’importo è, ad esempio, di 10,52 euro (arrotondati a 10,50) e per eccesso se l’importo è, ad esempio, 10,53 euro (arrotondato a 10,55). Da rilevare, infine, che l’arrotondamento non vale qualora il pagamento sia effettuato con bancomat o carta di credito, perché ovviamente, in questo caso, non si tratta di estrarre dal portafoglio le famose monetine.  Confcommercio Bari e Bat, per informare dettagliatamente sia i commercianti e i consumatori, ha diffuso la tabella in cui sono contenuti gli arrotondamenti dei prezzi in eccesso e difetto previsti dalla legge.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Mercato domenicale di febbraio in piazza Vittorio Emanuele II

Ripartono gli appuntamenti con il mercato domenicale in città come stabilito nel Documento Strategico del Commercio approvato nel Consiglio Comunale del 30.09.2019 che ha accreditato per dodici anni settanta posteggi ogni prima domenica del mese ad altrettanti operatori. L’appuntamento è in piazza Vittorio Emanuele II dalle 8 alle 14 domani 5 febbraio. “Un’occasione per quanti […]

Allerta meteo arancione per forte vento dalle ore 12 del 4 febbraio per le successive 24-36 ore

La Sezione Protezione Civile della Regione Puglia ha diramato lo stato di allerta meteo arancione sul settore della Puglia centrale Adriatica, in cui è compresa Bisceglie, dalle ore 12 del 4 febbraio 2023 per le successive 24-36 ore. La causa dell’avviso è l’imperversare di venti tendenti a forti dai quadranti settentrionali con rinforzi di burrasca […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: