Alberi abbattuti, Legambiente al Sindaco: «Ci faccia i nomi delle associazioni ambientaliste che ha ascoltato…»

Gentile Sindaco,

apprendiamo sgomenti da un Suo recente post che, i lavori di potatura di alcuni alberi, la cui precaria stabilità era stata segnalata mesi orsono dall’UTC,  sarebbero stati “rallentati o sospesi dalle osservazioni di alcune associazioni ambientaliste”.

Ordunque signor Sindaco, desideriamo porle alcune domande alle quali siamo quasi sicuri non risponderà, ma noi gliele poniamo ugualmente:

1) posto che a Bisceglie ci consta esistano non più di due associazioni ambientaliste riconosciute tali (escludendo le riunioni per il verde condominiale e i the delle 17,00 in cui si parla di geranei) ed a noi non risulta aver mai avanzato obiezioni in tal senso, quali sarebbero le “alcune” associazioni?

2) posto che in un incontro non ufficiale con l’assessore Parisi, un paio di mesi fa, al di fuori di un consiglio comunale, avremmo a dire (testimoni presenti) che non eravamo contro l’espianto di quelle piante e che anzi auspicavamo la sostituzione di queste con altre di tipo più robusto, perché ci saremmo dovuti opporre poi ad un intervento?

3) ci dica Sindaco, se ciò invece fosse accaduto, come, dove e a chi avremmo presentato (e dove sono), tali “osservazioni”?

4) non sarebbe stato più chiaro fare i nomi delle “alcune” associazioni ambientaliste?

Ci dica signor Sindaco, ci illumini su queste stesse pagine e ci chiarisca i fatti, e i nomi anche perché il caldo, gli impegni, le disattenzioni avrebbero potuto indurre qualcuno a dire o fare cose non vere e noi stessi ‘potremmo’ essere stati vittime della calura e aver presentato quelle osservazioni… senza rendercene conto!

Una cattiveria verrebbe in mente leggendo il suo post (visto che, come ha scritto, lei è già alla ricerca dei responsabili che certamente e indiscutibilmente troverà): vuoi vedere che se una potatura di emergenza non viene eseguita ed un ramo rischia di ammazzare qualcuno, la colpa è degli ambientalisti?

Siamo sicuri, certissimi, che lei non volesse dire questo o trovare una scusa per ‘coprire’ una mancanza e allora la preghiamo di voler essere chiaro e fare i nomi di chi avrebbe rallentato le potature.

Altrimenti sembrerebbero dichiarazioni non bugiarde ma perlomeno fuorvianti.

In ultimo, sperando che la volontà di “ripensare la manutenzione del verde” come lei scrive, non sia una delle tante promesse ‘a divenire’, ci permettiamo di suggerire di far eseguire da professionisti esperti, il censimento del verde.

Operazione propedeutica ed assolutamente necessaria al… ripensare il verde pubblico.

In attesa di una sua, le porgiamo distinti saluti.

Alessandro Di Gregorio

Legambiente Bisceglie

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

La mafia in Puglia, relazione DIA: «Le maggiori criticità a Bisceglie»

Alla mafia della provincia di Barletta – Andria – Trani si sommano le influenze mafiose del barese, di Foggia e di Cerignola che rendono il territorio esposto “al rischio di ripercussioni negative soprattutto per quanto concerne l’eccellenza del tessuto economico-produttivo”. È quanto si legge nel report della Dia relativo al secondo semestre del 2020. “Le […]

Covid: in Puglia 196 nuovi casi e 3 decessi

Oggi in Puglia sono stati registrati 12.337 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e 196 casi positivi: 92 in provincia di Bari, 10 nella provincia di Barletta, Andria, Trani, 15 in provincia di Brindisi, 21 in provincia di Foggia, 40 in provincia di Lecce, 13 in provincia di Taranto e 5 residenti fuori regione. Inoltre […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: