Galantino (M5S): «Il plesso “Don Tonino Bello” va spostato, la sicurezza prima di tutto»

«L’opportunità di trasferire le classi da “Don Tonino Bello” nella nuova struttura “Don Pasquale Uva” nell’adiacente quartiere Salnitro, è dettata dalla necessità di garantire ai nostri figli ambienti adeguati, confortevoli e soprattutto sicuri.» Lo afferma in una nota Davide Galantino, parlamentare biscegliese del MoVimento 5 Stelle.

«Ogni polemica in merito  – continua il deputato – mi sembra del tutto strumentale, anche perché, questo piccolo “inconveniente” è temporaneo e causato dalla necessità di rinnovare e mettere in sicurezza il quartiere Santa Caterina, compresa la scuola Don Tonino Bello, inoltre non possiamo mettere in discussione la distanza dell’istituto scolastico quando c’è da decidere sulla sicurezza dei nostri figli. Comprendo il disagio dei genitori, ma in molte città italiane non vi è la fortuna di avere una scuola a poche centinaia di metri da casa, quindi, si potrebbe ovviare al falso problema organizzando piedibus o servizi simili e questo non farebbe che bene ai nostri bambini.

Da documenti in mio possesso si evince che l’offerta formativa della scuola sarebbe la stessa, le classi e gli insegnanti non cambierebbero, solo che i nostri figli avrebbero l’opportunità di seguire le lezioni in una struttura finalmente a norma, antisismica e dotata anche di copertura di rete internet.

La messa in sicurezza dell’edilizia scolastica, tra l’altro, è una delle priorità di questo governo che, nell’ultima legge di Bilancio ha previsto un contributo per province e regioni per piani di riqualificazione e ristrutturazione di edifici.

In questi anni sono stati fin troppi gli incidenti avvenuti nelle scuole del nostro Paese, i dati di Save the Children e CittadinanzaAttiva presentati quest’anno proprio alla Camera dei Deputati parlano di 39 vittime nel 2019, un crollo ogni 3 giorni. Sono 250 gli episodi dal 2013.

Di fronte a questi dati non possiamo che essere felici di sapere i nostri figli in una struttura nuova e antisismica.

Non vorremmo mai più che accadessero tragedie come quelle di San Giuliano di Puglia (CB) nel 2002, dove a causa del terremoto morirono 27 bambini per il crollo della scuola Francesco Iovine. Misure come queste adottate dal Comune servono appunto ad evitarlo. Dobbiamo porre al centro il diritto dei bambini ad una scuola sicura in senso strutturale, antisismico e priva di barriere! Costruiamo una città a misura di bambino» conclude Galantino.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

“Italia Sovrana e Popolare”, anche a Bisceglie si raccolgono le firme per presentare le liste alle Politiche

Anche a Bisceglie è iniziata la raccolta delle firme per permettere di partecipare alla lista Italia sovrana e popolare alle elezioni politiche nazionali del 25 settembre. «Se volete darci una mano -scrivono gli iscritti al movimento- potete farlo passando dalla sede di Ancora Italia in via Pendio Cappuccini 26 tutti i giorni dopo le 19.30 […]

Approvato il Piano Sociale di Zona 2022-2024

A valle del partecipato e articolato percorso di coprogettazione del Piano Sociale di Zona 2022 – 2024 che ha visto la partecipazione attiva dei partners istituzionali in primis la ASL insieme alle realtà del terzo settore dell’Ambito Territoriale si comunica al territorio di Trani e Bisceglie che in data 29/07/2022 il Coordinamento Istituzionale ha definitivamente […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: