Criminalità, M5S Bisceglie chiede un Consiglio Comunale monotematico sull’emergenza sicurezza

La Relazione del secondo semestre 2018 della DIA riconferma ciò che tutti sanno e che in pochi vogliono ammettere: l’intera provincia Bat, Bisceglie compresa, è un territorio cuscinetto strategico per gli affari delle mafie pugliesi. Le conclusioni della Direzione investigativa antimafia a fine 2018 descrivono Bisceglie come piazza in cui sono presenti i referenti di due clan baresi di alto profilo.

Bisceglie non si fa mancare nulla: spaccio di droga, estorsioni, caporalato, furti e rapine. Non lo diciamo noi, lo dice la DIA, lo dicono i fatti di cronaca. Negli ultimi mesi non sono mancate sparatorie a cielo aperto, continui roghi di rifiuti nell’agro e alle porte della città, rapine e furti.

Non c’è più da tentennare. Non si tratta di lasciarsi andare ad allarmismi strumentali. Il Movimento 5 Stelle di Bisceglie ha chiesto più volte che l’Amministrazione intraprendesse azioni concrete per fronteggiare quella che è di fatto una emergenza sicurezza e legalità. Abbiamo proposto l’istituzione dello sportello antiracket, della consulta della legalità e abbiamo promosso la convocazione, poi avvenuta, della Commissione speciale per la sicurezza urbana. Abbiamo portato la richiesta di maggior sicurezza della città al sottosegretario Sibilia, tramite il nostro Portavoce Amendolagine e i portavoce nazionali del territorio.

Abbiamo tentato di sollecitare una condivisione trasversale di azioni politico-istituzionali su questi temi, ma le nostre proposte e i nostri solleciti sembrano non aver sortito effetto.

Per questo motivo, stanchi di un atteggiamento di grave sottovalutazione dei fenomeni di criminalità a Bisceglie da parte dell’Amministrazione, annunciamo che nel corso della prossima riunione della Commissione speciale sulla sicurezza urbana – che il Presidente Coppolecchia ha annunciato di voler convocare a breve – presenteremo una proposta di ordine del giorno, speriamo sostenuta unanimemente dai consiglieri sia di maggioranza sia di opposizione, che impegni il Presidente del Consiglio Comunale e l’Amministrazione alla convocazione di un Consiglio Comunale monotematico utile a discutere delle azioni da intraprendere per il potenziamento dei presidi di sicurezza e di legalità in città; un Consiglio Comunale che vorremmo aperto alle realtà del terzo settore, alle sigle sindacali, ai rappresentanti delle forze dell’ordine, alle associazioni di categoria, ai parlamentari e ai consiglieri regionali del territorio.

Fra le azioni da mettere subito in campo non possono più mancare, a nostro parere, un sistema diffuso di mappatura, controllo, monitoraggio e segnalazione delle situazioni di illegalità sul territorio, nonché iniziative diffuse e costanti di rigenerazione urbana e sociale.

M5S Bisceglie

Enzo Amendolagine Portavoce

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Scuole innovative e sostenibili, Fata: «Si colga l’occasione del Pnrr per realizzarle»

Le risorse economiche per la realizzazione di nuove opere ci sono. Vittorio Fata, consigliere comunale di Bisceglie, ne è convinto e ha da tempo promosso una serie di iniziative volte a far conoscere alla cittadinanza l’esistenza di strumenti attraverso i quali il Comune può ottenere fondi e finanziamenti, specie a valere sul Pnrr. «Sempre che […]

Possibili finanziamenti per il Teatro Garibaldi, Fata: «Sfruttare l’avviso pubblico del ministero»

Possibilità di ulteriori forme di finanziamento per interventi migliorativi da destinare al Teatro Garibaldi. Il consigliere Vittorio Fata ha presentato, insieme capogruppo Pd Rossano Sasso, un’interrogazione urgente a risposta scritta e orale finalizzata a conoscere il parere dell’amministrazione di Bisceglie su un interessante avviso pubblico promosso dal ministero della cultura a valere sul Piano nazionale […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: