Divinæ Follie all’asta giudiziaria e in cerca di un acquirente

«Terreno sito in Comune di Bisceglie (Bari), località ‘Lama Paterna’ avente accesso da Via Ponte Lama, della superficie di 17,500 mq,con sovrastante complesso immobiliare- Zona ‘Salsello’ , costituito da pineta, zona verde, zone parcheggio nonché da più fabbricati adibiti a ristorante-pizzeria, attività ricettiva, discoteca, sale di ricevimento, oltre a piscine e servizi annessi».

A parte l’indicazione errata della provincia, è l’esatta ma fredda e burocratica descrizione di un immobile all’asta giudiziaria. Non un immobile anonimo, ma una struttura che ha segnato la storia delle attività ricettive e della vita notturna in tutta la nazione: si tratta del Centro Turistico Mastrogiacomo e della discoteca Divinæ Follie.

All’asta dal 2012, permane la difficoltà nel trovare un acquirente. A questo link si possono consultare tutte le specifiche della vendita all’asta, pubblicate l’ultima volta il 30 luglio di quest’anno. Manca il prezzo di base, ma c’è il contatto del curatore a cui gli interessati possono chiedere informazioni.

Una panoramica storica su quello che ha rappresentato il Divinæ Follie lo si può leggere in questo articolo pubblicato anni fa su Bisceglieindiretta.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Diventa mamma partorendo nel parcheggio dell’ospedale Di Venere. Storia a lieto fine per donna biscegliese

Una storia di emergenza con lieto fine è stata raccontata dal sito barinedit.it e sebbene ambientata nel capoluogo pugliese, riguarda una cittadina di Bisceglie. Emergenza e maternità, perché la storia finisce con la nascita di un bambino avvenuta dentro l’abitacolo di un’auto in sosta nel parcheggio dell’ospedale “Di Venere”, dato alla luce proprio dalla neo-mamma […]

Bisceglie, lei lo denuncia e lui le brucia la macchina: arrestato

I responsabili degli incendi avvenuti a Bisceglie, l’11 e il 14 febbraio dell’anno scorso sarebbero un uomo ed una donna: i due, arrestati dai carabinieri, sono accusati di incendio doloso in concorso. Altre tre persone, considerate loro complici, sono state raggiunte dall’obbligo di dimora. Secondo quanto accertato, in entrambi gli episodi i due avrebbero riempito […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: