La dura replica del Sindaco Angarano: «Quante bugie, propaganda e offese…»

“Siamo alle solite. L’opposizione dimostra ancora una volta di essere assetata di poltrone e potere. Le uniche parole usate anche nel consiglio comunale di ieri, e a seguire sulla stampa, sono state ‘scioglimento’ e ‘dimissioni’. Mai ‘sviluppo’, ‘proposte’, ‘idee’. Ma d’altronde la strategia è stata chiara sin da quando in 6 hanno firmato il ricorso al Tar. Distruggere l’avversario con ogni mezzo, questo l’unico obiettivo. E ciò traspare anche in consiglio comunale, con la gara a fare foto, registrazioni e video per poi pubblicarli in tempo reale su Facebook, con l’obiettivo di screditare l’amministrazione, senza alcun rispetto per l’assise e per la Città. Ciò non fa altro che confermare una politica incapace di guardare oltre il proprio ego e le proprie ambizioni, in una logica distruttiva che non restituisce dignità alla politica vera né tiene in minima considerazione i bisogni dei Cittadini”. Lo dichiara il Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano.

“E così quello che in altre Città e in altre occasioni sarebbe una normale procedura di ritiro di alcuni punti per una revisione da parte degli uffici che li avevano istruiti per tempo, a Bisceglie viene strumentalmente dipinta come una situazione drammatica e diventa il pretesto per accuse gravi e infondate, offese, violenza verbale e toni aggressivi”, aggiunge il primo cittadino. “Sottacendo che se quei punti si potranno tranquillamente riproporre emendati, senza alcuna conseguenza per l’Ente, è perché non c’erano scadenze impellenti che ne imponevano l’approvazione immediata, come avveniva invece in passato. Lo faremo nel rispetto delle leggi e dei regolamenti, delle prerogative del consiglio comunale, dei dirigenti e degli apparati burocratici. Ma quel che è peggio”, sottolinea il Sindaco Angarano, “è che, facendo l’ammuina, si mettono in correlazione situazioni che nulla c’entrano, come il rispetto delle sentenze di Tar e Consiglio di Stato, che invece, lo dicono i fatti, stiamo scrupolosamente osservando con la riadozione degli atti, per tornare ad assicurare la corretta operatività della macchina amministrativa che l’opposizione ha tentato irresponsabilmente ed egoisticamente di paralizzare, a scapito dei Cittadini. Forse è proprio questo che indispettisce i ricorrenti al Tar: stanno capendo che malgrado abbiano messo in giro la voce che il governo cittadino sarebbe caduto, ciò non avverrà”.

“Continueremo a non rispondere alle provocazioni e a lavorare nell’esclusivo interesse pubblico, senza paura di chi è in perenne campagna elettorale, non si rassegna a non detenere il potere e fa continua propaganda con accanimento e livore, anche con veri e propri comizi durante i consigli comunali”, conclude il Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Prefetto e Sindaci della Bat: obbligo di mascherine anche all’aperto

 “Alla luce dell’incremento contenuto ma crescente dei contagi registrato sul territorio, si è condivisa l’opportunità di adottare ordinanze sindacali che stabiliscano misure di cautela aggiuntiva, ad esempio l’utilizzo delle mascherine all’aperto, che siano proporzionate e adeguate alle maggiori esigenze di contenimento correlate a particolari contesti cittadini e a specifici periodi o fasce orarie in cui […]

Angarano: «Oltre mille euro alle famiglie in difficoltà a causa della pandemia. Nessuno lasciato indietro»

Ammontano ad oltre 1.119.000 euro le risorse del Governo che il Comune di Bisceglie stanzierà in favore di persone e/o famiglie in condizioni di disagio economico e sociale causato dalla pandemia. La Giunta comunale guidata dal Sindaco Angarano ha deliberato di riservare 500.000 euro per misure di solidarietà alimentare, 403.371 euro per il sostegno al […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: