Una candelina per la rivista “Neda”, diretta dal biscegliese De Ceglia

La rivista quadrimestrale di storia, arte e cultura “Neda”, diretta dal giornalista e ricercatore storico Luca De Ceglia ed edita dalla Secop di Corato, compie il primo anno di vita. Infatti è uscito nelle librerie il nuovo numero ricco di studi inediti di storia locale. Il sommario annovera lo studioso Marino Pagano che analizza la figura di “Francesco Traversa, eroico generale bitontino caduto a Gaeta” e traccia un profilo di “Borghi e identità culturali, alcuni casi al Sud”. Il numismatico Nicolantonio Logoluso tratta della “Circolazione monetaria nel Sud d’Italia (secc. XI-XIV) e Savino Defacendis sul “Romanticismo della transumanza”.

Michele Grimaldi (direttore dell’Archivio di Stato – sez. di Barletta) fa conoscere “L’ex convento di San Giovanni di Dio a Barletta”. Marisa Carabellese e “L’importanza di chiamarsi Orazio”. La restauratrice Loredana Acquaviva su “L’arte pittorica nella chiesa di Santa Maria Greca a Corato”. Di “Dialetto e letteratura sul campo se ne occupa il maestro Vincenzo Mastropirro. Mentre Vito Ricci di “Olivicoltura, produzione e commercio dell’olio a Bitonto nel XV secolo”. Il direttore Luca De Ceglia propone: “Clausura amara. Nel cinquecentenario del monastero San Luigi di Bisceglie (1519-2019)” e “Sulle vie della storia. Vicende di ponti e strade pubbliche nel nord barese (secoli XVIII-XX)”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Giornata della Memoria, il messaggio dell’Associazione “Borgo Antico” (IL VIDEO)

“Il primo nemico dell’umanità è l’indifferenza, il non occuparsi degli altri, ma solo del proprio interesse e del proprio tornaconto”. Con queste parole, la Senatrice Liliana Segre, testimonianza vivente di valori universali quali l’uguaglianza, l’antirazzismo e la giustizia, lo scorso anno ha voluto far riflettere i giovani volontari del festival “Libri nel Borgo Antico” sull’importanza […]

“Giorno della Memoria”, ha raggiunto il suo scopo?

Il 27 gennaio è il “giorno della memoria”, una ‘data di monito da non dimenticare’ come sentenziato dall’Onu, nel 2005, nell’invitare le Nazioni a ricordare l’orrore dello sterminio degli ebrei e degli oppositori al nazismo e alle leggi razziali. Fu il 27 gennaio 1045 che furono abbattuti i cancelli di Auschwitz portando all’attenzione del mondo […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: