Al Mef anche rappresentanze di Casambulanti e Unione Commercio

Un confronto che, partito da tempo presso il Ministero dello Sviluppo Economico con un tavolo di confronto ministeriale aperto alle Associazioni No Bolkestein d’Italia, ora si sposta al Ministero dell’Economia e delle Finanze dove le Associazioni di Rappresentanza Uiltucs per il commercio sulle aree pubbliche del Lazio, l’Associazione Ambulanti Roma, Assidea Toscana, Casambulanti Puglia, Unionecommercio – Unibasilicata hanno incontrato il viceministro Antonio Misiani e i massimi Dirigenti Funzionari del MEF. Al centro dell’incontro, riferisce il Coordinatore Nazionale CasAmbulanti, l’andriese Savino Montaruli, invitato e presente all’incontro romano, la richiesta dell’esclusione dagli adempimenti che graverebbero in modo sostanziale su una tipologia di commercio che richiede, invece, il riconoscimento di Categoria Disagiata a causa delle note criticità che l’esercizio delle attività in condizioni avverse comporta oggettivamente. Tale riconoscimento porterebbe direttamente alla determinazione di un regime fiscale semplificato e l’approvazione di una normativa complessiva di Settore definita a livello nazionale la cui discussione di merito è già partita da tempo presso il Ministero dello Sviluppo Economico ove le Associazioni stanno dando il loro contributo e dove la Puglia è già rappresentata dal sindacalista Montaruli che si ritiene soddisfatto del risultato ottenuto pur ritenendo il percorso ancora lungo e impegnativo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Maltempo: c’è tempo fino al 6 febbraio per domande risarcimento “gelate tardive”

C’è tempo fino al 6 febbraio per presentare le domande per ottenere i risarcimenti per le gelate tardive che si sono abbattute sulla campagna nei giorni fra il 24 marzo e il 3 aprile scorsi. Lo Stato ha recepito la richiesta di calamità anche per la nostra regione pugliese e ha finanziato con 20 milioni […]

Scuola, la mamma di un’alunna del plesso di via Fani: troppe auto, garantiamo sicurezza ai ragazzi

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un genitore di un’alunna che frequenta la seconda classe del plesso scolastico in via Martiri di Via Fani a Bisceglie: «Vi contatto per denunciare quanto segue: Dopo ripetute chiamate al comando della polizia municipale, all’ufficio competente comunale e al preside scolastico del plesso scolastico in via martiri di via […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: