Angarano restituisce il Cimitero ai biscegliesi, riapertura da sabato 2 maggio

Sabato 2 maggio riapre il cimitero comunale. Al fine di evitare assembramenti e quindi potenziali pericoli di diffusione del contagio, gli ingressi saranno contingentati in virtù di un piano di sicurezza predisposto dall’Amministrazione Comunale con il Centro Operativo Comunale e la sua rete di Protezione Civile. Si potrà entrare da due ingressi, via Giovanni Bovio e lato mare, nei seguenti orari: lunedì–mercoledì–venerdì-sabato-domenica dalle ore 8 alle 12; martedì – giovedì dalle 15 alle 17. Gli accessi saranno regolati con l’ausilio di volontari di Protezione Civile in modo tale che nella struttura siano presenti massimo 200 persone contemporaneamente. I volontari si occuperanno anche di gestire l’attesa in modo tale che sia rispettata la distanza di sicurezza di almeno un metro, distanza che deve essere rispettata dai visitatori anche all’interno. Per accedere al cimitero si dovranno obbligatoriamente indossare guanti e mascherina per tutta la durata della visita.

Dal 4 maggio, come prevede il Dpcm del 26 aprile, sono consentite le cerimonie funebri con l’esclusiva partecipazione di congiunti e, comunque, fino a un massimo di quindici persone, con funzione da svolgersi preferibilmente all’aperto, indossando protezioni delle vie respiratorie e rispettando rigorosamente la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

“Abbiamo fatto il possibile per accelerare la riapertura e dare ai cittadini la possibilità di rivolgere un saluto, una preghiera ai cari defunti”, ha spiegato il Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano. “Era però fondamentale completare le operazioni di sanificazione e diserbo, in collaborazione con l’assessorato alle manutenzioni e servizi cimiteriali coordinato da Natale Parisi, e predisporre regole precise e un’organizzazione mirata per la sicurezza di tutti. Ricordo infatti che l’obiettivo prioritario anche in questa fase è la tutela della salute pubblica. Per questo raccomando il massimo senso di responsabilità da parte di tutti. Non rechiamoci tutti al cimitero nei primi giorni perché creeremmo un congestionamento. Evitiamo di prolungare la nostra permanenza all’interno del campo santo per dare a tutti la possibilità di accedervi. Rispettiamo scrupolosamente la distanza di sicurezza e indossiamo guanti e mascherine. In chiusura vorrei precisare che non ho mai rivendicato una scelta autocratica per la riapertura del cimitero e che chi mi ha attribuito tali dichiarazioni si è solo prodotto nell’ennesima polemica sterile ed evitabile in questa emergenza”, ha concluso il primo cittadino di Bisceglie.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

La scuola “Dino Abbascià” chiusa, abbandonata e vandalizzata. «Angarano disattento nei confronti dei beni pubblici»

«La scuola “Dino Abbascià” è stata realizzata e inaugurata dalla mia amministrazione nel 2016, nel contesto di un piano di riqualificazione e valorizzazione del centro storico e delle sue tipiche piazzette (come quella che ospita la stessa scuola Dino Abbascià). Da ben 5 anni, da quando si è insediata l’amministrazione Angarano-Silvestris, questa scuola è chiusa, […]

Altro finanziamento per potenziare ulteriormente la spiaggia attrezzata anche per persone con disabilità

Il Comune di Bisceglie ha ricevuto un ulteriore finanziamento regionale di 20.000 euro per continuare a potenziare la spiaggia libera attrezzata anche per persone con disabilità al Cagnolo. L’intervento è volto al miglioramento della qualità delle dotazioni della piattaforma attrezzata già esistente e ad assicurare adeguati livelli di accessibilità, fruibilità e sicurezza, anche in altre […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: